Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli a TPI: “Carenza medici in Campania? Bandi spettano alla Regione”

"Ci siamo offerti di fare bandi, ma Regione non ha voluto", parla Silvestro Scotti, presidente Omceo di Napoli e provincia e segretario nazionale Fimmg

Di Anna Ditta e Veronica di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 10 Nov. 2020 alle 17:37 Aggiornato il 10 Nov. 2020 alle 17:53
92
Immagine di copertina
Credit: Ansa

Dopo aver denunciato la questione della carenza dei medici di medicina generale in Campania, TPI ne ha parlato con Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione Italiana Medici Medicina Generale (Fimmg) e presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Omceo) di Napoli e provincia. Il medico si dice preoccupato per questa carenza e sottolinea gli interventi chiesti dal sindacato in passato sul punto. “Come Ordine dei medici di Napoli avevamo offerto alla Regione di occuparci della questione, ma hanno ritenuto di poter fare da soli” (qui le risposte di Scotti sull’emergenza Covid in Campania)

Dott. Scotti, in Campania mancano i medici di medicina generale ma i bandi sono fermi. A livello sindacale qual è la vostra posizione?
È una realtà atavica. Come sindacato abbiamo segnalato la questione più volte, ed è stata formalizzata anche portando nei comitati una serie di soluzioni. La Regione blocca una serie di procedure amministrative che, mi sembra, non dovrebbero essere bloccate dal Covid. Come presidente dell’Ordine dei medici di Napoli, avevo offerto alla Regione in maniera sussidiaria di potermi occupare della questione, con personale dedicato, per recuperare il ritardo. Avevamo cercato anche delle soluzioni attraverso domande presentate telematicamente, che avrebbero facilitato i percorsi, ci eravamo forniti di un know how riferito a questa procedura, ma la Regione invece ha ritenuto di poter riuscire da sola a risolvere la questione.

Ci sono 2mila medici in graduatoria, con i titoli e pronti per entrare in servizio, che però sono “parcheggiati”.
Ovviamente, in quanto segretario nazionale Fimmg, mi interesso alla questione solo perché campano e napoletano, ma dal momento che ricopro anche il ruolo di presidente dell’Ordine dei medici di Napoli non posso svolgere un ruolo sindacale attivo sul territorio. Questo talvolta viene confuso da qualche collega, ma io sul territorio campano rappresento tutti i medici, cerco di mantenere una neutralità. Come presidente dell’Ordine, in ogni caso, sono particolarmente preoccupato per la cittadinanza a causa di queste carenze. Capisco la necessità per i colleghi, rispetto alla loro ambizione di posti di lavoro, ma questa è soprattutto una carenza di assistenza per i cittadini. Ci sono interi quartieri di Napoli dove i cittadini non possono scegliere il loro medico e sono costretti a sceglierne uno che si trova in un altro quartiere. Tra poco ci saranno intere aree della Regione in cui non si potrà scegliere un medico.

Da alcune testimonianze che abbiamo raccolto di medici precari, durante alcune riunioni della Fimmg sembra che venisse negata la carenza. Veniva detto di aspettare e che il bando sarebbe arrivato. 
Questo non mi risulta, sono illazioni. Ho sempre testimoniato formalmente che nell’arco di questi due o tre anni ci sarà, con i pensionamenti, l’uscita di qualche migliaia di medici in Campania e che se pubblicassero le carenze tutte le aspettative dei giovani medici sarebbero soddisfatte. Se questi colleghi hanno elementi documentali li portino, ma ci sono verbali dei comitati regionali che dicono esattamente il contrario.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI – Inchiesta tamponi falsi Campania, parte 2. Parla il principale indagato: “La Asl Napoli 3 sapeva, ho fatto test per loro. Ho le fatture che lo dimostrano” /2. Covid, l’annuncio di Pfizer: “Vaccino efficace al 90%, 15-20 milioni di dosi in arrivo entro l’anno” /3. Covid, il 15 novembre è la data chiave per scongiurare un nuovo lockdown in Italia

4. Liguria, Umbria, Abruzzo, Toscana e Basilicata in zona arancione. Oggi si decide per la Campania /5. Napoli, parla un dipendente del Cardarelli: “Non ci fanno il tampone da due mesi, sarebbe una strage”/6. Covid, morta un’infermiera del Cardarelli di Napoli in prima linea nella lotta al virus: aveva 57 anni

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

92
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.