Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Imporre un dress code alle studentesse non è reato: archiviato il caso Bellomo

Immagine di copertina
Francesco Bellomo

Tacchi a spillo, gonne corte, rossetto e fedeltà al direttore: secondo il gip di Milano, le clausole delle borse di studio delle studentesse aspiranti magistrati iscritte al corso di Francesco Bellomo non hanno rilevanza penale

Imporre un dress code alle studentesse non è reato

Tacchi vertiginosi obbligatori, rossetto rosso e minigonna per andare a lezione: il dress code che Francesco Bellomo imponeva alle studentesse aspiranti magistrati, secondo il giudice è “poco consono ad un corso per la preparazione dell’esame di magistratura”, ma non è reato e il caso è stato archiviato.

L’ex Consigliere di Stato Francesco Bellomo era accusato di violenza privata e stalking nei confronti di quattro studentesse che avevano partecipato ai corsi di formazione da lui organizzati in preparazione all’esame di stato.

Il gip di Milano Guido Salvini ha archiviato l’indagine dal momento che “nessun comportamento volto a coartare la libertà morale delle studentesse può infatti essere ravvisato nella sottoposizione di contratti di collaborazione la cui sottoscrizione, pur nella sua ‘singolarità”.

Secondo il giudice, la decisione “era rimessa alla libera volontà delle aspiranti, che in diversi casi si sono rifiutate di firmare per continuare a frequentare le lezioni nella veste di studentesse ordinarie”.

Bellomo è il terzo giudice destituito in cento anni di storia della magistratura. Lo scandalo si è scatenato quando le studentesse della Scuola di Formazione Giuridica Avanzata “Diritto e Scienza” di cui Bellomo era docente e direttore scientifico hanno denunciato la presenza di clausole all’interno dei loro contratti che imponevano loro di indossare tacchi alti e gonne corte per frequentare il corso. Ma Bellomo si è difeso dicendo: “Non li ritengo inappropriati e in ogni caso, chi non li condivideva poteva comunque diventare borsista”. Bellomo rimane però indagato a Bari con le accuse di maltrattamenti, estorsione aggravata, minacce e calunnia avanzate dalle studentesse della sede locale della scuola.

Il contratto conteneva disposizioni anche sul trucco che, come si legge sull’ordinanza, doveva essere “calcato o intermedio, giudice preferibilmente un rossetto acceso e valorizzazione di zigomi e sopracciglia; smalto sulle mani di colore chiaro o medio (no rosso e no nero) oppure french”. Ad alcune borsiste, inoltre, era imposto “il divieto di contrarre matrimonio”, ma anche la “fedeltà nei confronti del direttore scientifico”.

Il giudice Salvini ha archiviato il caso stabilendo che: “molte delle richieste rivolte alle borsiste appaiano inconferenti con quelli che sono i normali caratteri di un rapporto di collaborazione accademica e siano state sovente avanzate con insistenza attraverso telefonate in tarda serata e invio di e-mail, non può ritenersi che le stesse valgano ad integrare una condotta abituale di molestia e minaccia”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Rieti, 24enne scappa di casa e si suicida con la pistola del padre: gli avevano diagnosticato un principio di Sla
Cronaca / Alessia Pifferi, i dettagli shock dell’autopsia: trovati pezzi di pannolino nello stomaco della piccola Diana
Cronaca / “È vero, non abbiamo pagato gli stipendi”: la suocera di Soumahoro ammette le irregolarità nella coop Karibu
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Rieti, 24enne scappa di casa e si suicida con la pistola del padre: gli avevano diagnosticato un principio di Sla
Cronaca / Alessia Pifferi, i dettagli shock dell’autopsia: trovati pezzi di pannolino nello stomaco della piccola Diana
Cronaca / “È vero, non abbiamo pagato gli stipendi”: la suocera di Soumahoro ammette le irregolarità nella coop Karibu
Cronaca / Agrigento, litiga con il cardiologo e lo uccide a colpi di pistola nel suo studio
Cronaca / Milano, morto mentre faceva jogging perché nessuno del 112 parlava inglese
Cronaca / Svimez, l’allarme: nel 2023 recessione e mezzo milione di poveri in più nel Mezzogiorno
Cronaca / Ischia, il cane della famiglia rimasta vittima della frana ritrovato salvo in auto: “Aspettava i padroni”
Cronaca / Inquilino sfrattato, occupa casa e la distrugge: rinviato a giudizio
Cronaca / Ultras del Napoli pronti ad aiutare gli ischitani nei soccorsi, la Digos li blocca: “Pericolo sciacallaggio”
Cronaca / Torino, si arrampica sulla finestra e precipita dal primo piano: grave un bimbo di 18 mesi