Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Assalto alla Cgil, il legale di Roberto Fiore torna a chiedere i domiciliari: “Un positivo in cella con lui, è un attentato alla sua vita”

Immagine di copertina

Assalto alla Cgil, il leader di Forza Nuova Roberto Fiore chiede i domiciliari

Il leader di Forza Nuova Roberto Fiore, attualmente in carcere per l’assalto alla sede di Roma della Cgil del 9 ottobre scorso, torna a chiedere i domiciliari attraverso l’istanza presentata dal suo legale, Nicola Trisciuoglio.

Secondo l’avvocato, infatti, il suo assistito rischierebbe la vita dopo essere venuto a contatto con un detenuto risultato positivo al Covid. “Un uomo detenuto nella cella del carcere di Poggioreale, dove è recluso Roberto Fiore, è risultato positivo al Coronavirus – ha dichiarato Trisciuoglio – Il che, considerate le patologie del presidente di Forza Nuova già compiutamente certificate nella relazione medica della professoressa Carmela Rescigno e ignorate totalmente dalla procura e dal gip del tribunale di Roma, significa un attentato alla sua vita”.

In una dichiarazione rilasciata all’Adnkronos, l’avvocato afferma: “Nel superiore interesse della tutela della salute di Fiore e, quindi, a tutela della sua vita domani presenterò nuova istanza al gip per la concessione dei domiciliari. Adesso il segretario di Forza Nuova rischia la morte”.

“Unitamente alla professoressa Carmela Rescigno chiederemo un incontro ad horas con il Direttore Sanitario della struttura carceraria – aggiunge il legale -. In queste condizioni non è monitorabile il paziente all’interno del carcere per le sue gravi patologie su cui va a incidere l’eventualità concreta del contagio. Ognuno deve in questo momento assumersi le proprie responsabilità, anche quella di tramutare una misura custodiale massima in una condanna a morte. La permanenza di Fiore all’interno della struttura circondariale di Poggioreale è un attentato alla vita”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”
Cronaca / Bassetti: “Tutti prenderanno la variante Omicron entro l’inizio dell’estate”