Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

L’anestesista di Codogno: “Così abbiamo forzato i protocolli e capito che Mattia aveva il coronavirus”

Immagine di copertina
Ospedale di Codogno. Credit: ANSA/ANDREA FASANI

"Ho pensato all’impossibile", parla Annalisa Malara, l'anestesista di Cremona che ha individuato la diagnosi per il 38enne di Codogno

L’anestesista di Codogno: “Così abbiamo forzato i protocolli e capito che Mattia aveva il coronavirus”

“Per la prima volta farmaci e cure risultavano inefficaci su una polmonite apparentemente banale. Il mio dovere era guarire quel malato. Per esclusione ho concluso che se il noto falliva, non mi restava che entrare nell’ignoto”. È stata Annalisa Malara, anestesista 38enne di Cremona, a pensare l’impossibile. È lei il medico dell’ospedale di Codogno che ha intuito che Mattia, suo coetaneo, potesse essere stato infettato dal coronavirus e ci ha permesso di individuare il focolaio e combattere l’epidemia di Covid-19 in Italia.

“Quando un malato non risponde alle cure normali, all’università mi hanno insegnato a non ignorare l’ipotesi peggiore”, ha detto la dottoressa Malara in un’intervista pubblicata oggi su Repubblica. “Mattia si è presentato con una polmonite leggera, ma resistente ad ogni terapia nota. Ho pensato che anch’io, per aiutarlo, dovevo cercare qualcosa di impossibile”.

L’anestesista racconta che tutti i medici a Codogno sono stati sorpresi dalla “rapidità e gravità dell’attacco virale” che aveva colpito Mattia. Questo l’ha spinta a pensare all’impossibile e così ha chiesto alla moglie del 38enne se lui avesse avuto rapporti riconducibili alla Cina. “Le è venuta in mente la cena con un collega, quello poi risultato negativo”, spiega la dottoressa. Ma eseguire il tampone non è stato semplice.

“Ho dovuto chiedere l’autorizzazione all’azienda sanitaria”, spiega Malara. “I protocolli italiani non lo giustificavano. Mi è stato detto che se lo ritenevo necessario e me ne assumevo la responsabilità, potevo farlo”. E aggiunge: “Verso le 12.30 del 20 gennaio i miei colleghi ed io abbiamo scelto di fare qualcosa che la prassi non prevedeva. L’obbedienza alle regole mediche è tra le cause che ha permesso a questo virus di girare indisturbato per settimane”.

Nelle ore in cui attendevano l’esito del tampone, l’anestesista e i tre infermieri del reparto hanno indossato le protezioni suggerite per il coronavirus. Sono usciti ieri dalla quarantena, durante la quale – chiusi in ospedale – hanno continuato a curare i malati. Nessuno di loro è stato contagiato.

“Spero di aver contribuito a dare tempo a colleghi e istituzioni, in Italia e in Europa”, conclude la dottoressa. “Abbiamo guadagnato giorni preziosi per il contrasto all’epidemia. Se anche i cittadini li usano bene, rispettando indicazioni e misure di prevenzione, molti potranno guarire e altri eviteranno il contagio”.

 

Leggi anche:

1. Il primo caso di coronavirus in Europa rilevato in Germania il 24 gennaio/2. Coronavirus in Italia, tutte le ultime notizie

3. “Coronavirus, il tempo sta per scadere: ecco qual è la vera emergenza secondo i dati”/ 4. Coronavirus, il primario di Codogno: “Ore decisive, ecco com’è andata davvero col paziente 1”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”