Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Allarme attentato in Italia “in stile Bataclan”: due terroristi ricercati. Fonti investigative: non c’è pericolo attuale

Immagine di copertina
I due sospetti terroristi ricercati

Un dirigente della Polizia ha confermato a TPI che in alcune chat interne alle forze dell'ordine circola una nota riservata sulla minaccia di un possibile attentato in Italia attraverso modalità simili a quelle degli attacchi a Parigi nel novembre 2015: caccia a due sospetti

Allarme attentato in Italia “in stile Bataclan”: due terroristi ricercati

La notizia bomba è questa, verificata e confermata a TPI da un Vice questore della Polizia di Stato: nelle chat interforze degli agenti stanno girando una nota d’allerta terroristica e un’immagine (a corredo di questo articolo e che trovate anche di seguito).

Si tratta di un allarme preventivo volto a sensibilizzare l’attenzione di tutte le forze dell’ordine per un possibile attentato terroristico che avrebbe come bersaglio l’Italia, con dettagli di esecuzione particolareggiati, e la diramazione di una ricerca a tappeto di due presunti terroristi sul territorio italiano. Nella nota si legge, infatti, che questo presunto attentato in Italia potrebbe essere messo in atto con “esecuzione stile teatro ‘Bataclan'” in riferimento agli attacchi che colpirono Parigi il 13 novembre 2015.

Tuttavia, come riportato dall’Ansa, fonti investigative rilevano che la segnalazione “è una delle tante che arrivano ed è stata adeguatamente presa in considerazione ed approfondita”, ma “non sarebbe emerso un pericolo attuale”. La segnalazione sarebbe arrivata da intelligence straniera e faceva riferimento alla progettualità di un attentato che sarebbe dovuto avvenire in un periodo già passato e non in territorio italiano.

L’allerta informativa sta girando almeno dalla notte di ieri, venerdì primo novembre 2019, tra le chat delle forze dell’ordine. A essere attenzionati sono due cittadini albanesi, di cui si conoscono anche nome e cognome. Sono Battar Nabiyula, conosciuto anche come Maximilian Defilade o Bardhyl Hoxha, e Bujar Hysa. Il primo ha 49 anni, il secondo tra i 40 e i 48. La notizia è stata pubblicata per primo dal sito Open.online, poi verificata e confermata da fonti autonome da parte di TPI.

Il Vice questore aggiunto della Polizia di Stato e segretario del sindacato PNFD – Polizia nuova forza democratica – Filippo Bertolami conferma a TPI che in varie chat interforze cui partecipano diversi agenti di polizia stanno girando questa nota di allerta e le foto anche in chiaro, di cui siamo in possesso.

Nella nota si invitano agenti di polizia e militari a “prestare la massima attenzione, adottando ogni sistema di sicurezza e protezione in caso di controllo persone sospette”.

L’ufficio stampa della Questura di Roma, interpellato da TPI, afferma di non essere a conoscenza di questa informazione.

attentato italia
I due sospetti terroristi ricercati

Nota a margine: abbiamo ritenuto doveroso pubblicare questa nota trapelata e questa foto pur sempre “pixelata” a titolo preventivo e informativo, fermo restando che la pubblicazione dell’immagine non è volta a impaurire ma se mai a facilitare la collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine.

Esiste un dibattito piuttosto acceso all’interno delle forze dell’ordine italiane (sia Polizia che Carabinieri) sulla opportunità o meno di divulgare informazioni, note, informative d’allerta e immagini tramite chat interne agli agenti e sui social. Se da un lato infatti la pubblicazione di queste note e immagini può facilitare il lavoro delle forze dell’ordine, dall’altro offre la possibilità a chiunque all’interno dei corpi armati di divulgare informazioni scomode o foto che non si vorrebbero far vedere.

È il caso, tra le file dei Carabinieri, della ormai celebre immagine di uno dei due americani che causò la morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega o, nel caso della Polizia, delle foto delle fondine difettose rese pubbliche dagli agenti in servizio (denuncia rivelatasi fatale nel caso della sparatoria a Trieste in cui sono morti due poliziotti). Trend social che il capo della Polizia di Stato, Franco Gabrielli, vuole assolutamente tacitare.

Hanno collaborato a questo articolo Giulia Angeletti ed Enrico Mingori

Leggi anche:
L’Isis conferma la morte di al-Baghdadi e annuncia il suo successore
L’Isis ha un nuovo leader, ma rischia di spaccarsi e non è una buona notizia
Cosa sappiamo su Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi, nuovo leader dell’Isis
Incidente sulla A13: famiglia distrutta. Morti padre, madre e figlia di 5 mesi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto