Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Agrigento, il killer del giudice Livatino tra i beneficiari del reddito di cittadinanza

Immagine di copertina

Agrigento, il killer del giudice Livatino beneficiario del reddito di cittadinanza

Un’operazione della Guardia di finanza di Agrigento ha portato a scoprire che, tra i beneficiari del reddito di cittadinanza, c’era anche il killer del giudice Rosario Livatino, ucciso in un agguato mafioso la mattina del 21 settembre 1990 su un viadotto lungo la strada statale tra Agrigento-Caltanissetta. L’uomo, condannato in via definitiva per omicidio, associazione per delinquere di stampo mafioso e altri capi d’accusa a 7 ergastoli, percepiva regolarmente il sussidio. Come lui, anche molti altri soggetti condannati per mafia e attualmente detenuti, come anche altri condannati per reati associativi finalizzati al traffico di sostanze stupefacenti, furto e altri reati comuni.

I militari del nucleo di polizia economico-finanziaria, su disposizione del procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio e del sostituto Gloria Andreoli, hanno eseguito il sequestro preventivo di otto social card utilizzate per ottenere il reddito di cittadinanza, che si aggiungono alle undici già sequestrate nei giorni scorsi. Tutti i titolari delle carte sequestrate sono adesso indagati per i reati di indebita percezione di reddito di cittadinanza e falso in autodichiarazione. I profili delle persone indagate sono stati segnalati all’Inps per la revoca del reddito di cittadinanza e soprattutto il recupero dei sussidi già erogati. Secondo una stima, si tratterebbe di un totale di 110mila euro. Ma gli investigatori stanno ancora lavorando per identificare altri illegittimi percettori del reddito di cittadinanza.

Il giudice siciliano Rosario Angelo Livatino, soprannominato “il giudice ragazzino”, fu ucciso a soli 38 anni in un agguato mafioso mentre si stava recando, senza scorta, al tribunale di Agrigento dove lavorava. Gli esecutori furono alcuni membri della “stidda”, un gruppo criminale poco conosciuto, che a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta sfidò Cosa Nostra in Sicilia compiendo omicidi e stragi.

Leggi anche: La storia del “giudice ragazzino” Rosario Livatino in un documentario

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Focolaio Covid al Billionaire nell’estate 2020: per la Procura è epidemia colposa
Cronaca / Mugello, bambino di 2 anni scomparso nella notte: non era più nella sua culla. Ricerche in corso
Cronaca / Oggi 835 nuovi casi e 31 morti: il bollettino
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Focolaio Covid al Billionaire nell’estate 2020: per la Procura è epidemia colposa
Cronaca / Mugello, bambino di 2 anni scomparso nella notte: non era più nella sua culla. Ricerche in corso
Cronaca / Oggi 835 nuovi casi e 31 morti: il bollettino
Cronaca / Claudio D’Alessio, il figlio del cantante Gigi in tribunale. L’ex colf: “Picchiata e ridotta in stato di semi schiavitù”
Cronaca / Piacenza, autocisterna va a fuoco sulla A1: muoiono 2 camionisti, 10 km di coda
Cronaca / Aggressione omofoba a Torre Annunziata: 34enne picchiato da sette uomini
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Ambiente / Amianto, Solvay dovrà risarcire 558mila euro al figlio di un operaio morto per carcinoma
Cronaca / Diciassettenne vuole vaccinarsi contro il Covid e trascina in tribunale i genitori no vax
Cronaca / Il disturbatore tv Gabriele Paolini condannato a 8 anni per induzione alla prostituzione e pedofilia