Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Trentenne in stato vegetativo dopo intervento, il Comitato etico: “No all’accanimento terapeutico”

Immagine di copertina

Il comitato etico dell’Ulss Dolomiti di Belluno si è espresso sul caso di Samantha D’Incà, la 30enne feltrina in stato vegetativo da un anno dopo un intervento per una caduta, e per la quale i genitori chiedono una soluzione in cui la figlia “possa trovare pace”.

Secondo il comitato etico “Si può staccare la spina. Nelle condizioni in cui versa, il nostro parere è quello di non proseguire con l’accanimento terapeutico”. Le condizioni di Samantha sono oramai irrecuperabili e quindi va evitato ogni accanimento terapeutico anche negando, in caso di complicazioni, alcuni interventi salvavita eccessivamente invasivi.

Nella prossima udienza si deciderà se autorizzare o meno l’amministratore di sostegno della giovane all’interruzione dei trattamenti terapeutici che la tengono in vita. Intanto, la madre attende fiduciosa. “Non vedo l’ora che questa storia si chiuda e che mia figlia possa trovare la pace che voleva e che merita”, commenta a Il Gazzettino.

Il legale della famiglia, l’avvocato Davide Fent, propone la nomina di Giorgio D’Incà, il padre della ragazza, che ha l’obiettivo di accompagnare la figlia verso una dolce morte, non attraverso l’eutanasia ma evitando ogni tipo di cura che prolunghi la sua agonia. Una richiesta già in passato respinta dal giudice, che riteneva l’uomo troppo coinvolto nella vicenda perché potesse ricoprire un ruolo così complicato.

La storia

Il 12 novembre 2020 Samantha si ruppe il femore per un incidente casalingo. Operata all’ospedale di Feltre, emersero delle gravi complicazioni sfociate poi in una polmonite, col successivo ricovero a Treviso. Da lì, il tracollo causato forse da un batterio, anche se le cause non sono mai state dimostrate. Di certo, c’è che la giovane era finita in coma e da allora è iniziata la battaglia dei genitori. “Ricordo che le raccontai di Eluana Englaro – ha spiegato la madre, Genzianella Dal Zot – e lei rimase sconvolta: mi disse che quella non era vita e che non avrebbe mai voluto finire in quel modo. Per questo, ora che non può esprimersi, devo essere io a gridare al posto suo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce