Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Coronavirus, i disegni dei tatuatori all’asta per sostenere gli ospedali di Milano

Si inizia oggi mercoledì primo aprile fino alle 12 di giovedì 2 aprile. I tatuatori hanno istituito una raccolta fondi da devolvere all'ospedale Policlinico di Milano mettendo all'asta le loro opere. Per vedere i disegni all'asta basta inserire l'hashtag #tatatuatoripermilano e iniziare l'asta con le offerte a rilancio nei commenti

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 1 Apr. 2020 alle 23:09
278
Immagine di copertina
Da dx @namiko_moth22, il logo dei tatuatori per Milano e il disegno di @larasimonetta_tattooer

Le opere dei tatuatori all’asta per il Policlinico di Milano

Dopo Bergamo e Brescia anche i tatuatori di Milano hanno deciso di dare il proprio contributo e sostenere gli sforzi per questa emergenza da Coronavirus, e lo fanno con quello che sanno fare meglio: disegnare.

“L”idea è nata dai tatuatori di Bergamo. Tutto è partito da lì, i nostri colleghi sono riusciti a fare ben due aste. In totale hanno raccolto 40mila, direi grandioso. Subito dopo Bergamo hanno iniziato i tatuatori di Brescia che stanno ancora finendo gli ultimi conti ma già hanno superato i 20mila euro. Nel nostro caso i fondi andranno al Policlinico di Milano, abbiamo scelto il Policlinico perché volevamo aiutare un ospedale di zona”, racconta a TPI Lara Simonetta, una delle organizzatrici dell’asta #tatuatoripermilano.

Gli artisti hanno infatti lanciato un’asta online benefica con i loro disegni per raccogliere fondi a favore dell’ospedale Policlinico di Milano per aiutare la Lombardia nella lotta al Coronavirus.

“L’asta è partita mercoledì primo aprile alle 10 e termina domani giovedì 2 aprile alle 12. All’iniziativa hanno aderito anche pittori e incisori, quindi non siamo solo tatuatori. Se sei un cliente puoi partecipare all’asta nei commenti. La base d’asta è di 50 euro”, continua la tatuatrice Lara Simonetta dello studio Hive tattoo art gallery.

“I partecipanti ufficiali erano 240. L’asta l’abbiamo organizzata tramite un gruppo WhatsApp. Poi altri tatuatori si sono inseriti all’ultimo arriveremo a un totale di circa 300 artisti”, ci racconta l’artista milanese.

E non sono solo artisti italiani. “Abbiamo anche un paio di partecipanti inglesi e un paio di ragazze italiane che vivono all’estero. Una in Irlanda e una ad Hong Kong”, continua.

“Per noi di Milano è la prima edizione. Siamo in 3 nel gruppo organizzativo. Io, Luca Luca Perciabosco e Silvia Brigatti. Speriamo di raccogliere tanti soldi che andranno tutti all’ospedale. Per noi l’importante è aiutare e donare per dare un nostro contributo nella lotta al Coronavirus”, conclude Lara.

Il pagamento dovrà essere effettuato DIRETTAMENTE al POLICLINICO DI MILANO tramite carta di credito direttamente sul sito policlinico.mi.it ,oppure attraverso bonifico bancario con i seguenti dati: INTESTATARIO BONIFICO: FONDAZIONE IRCCS CA’ GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO | IBAN: IT59W0311101642000000038863 | CAUSALE: #TATUATORIPERMILANO

Leggi anche: 1. Coronavirus, i disegni dei tatuatori all’asta per sostenere gli ospedali di Bergamo / 2ESCLUSIVO TPI: “Tamponi, tracciamento digitale e niente lockdown: così abbiamo contenuto il Coronavirus”. Il ministero della Salute della Corea del Sud spiega il modello coreano / 3. Coronavirus, cos’è successo a febbraio in quella clinica di Piacenza? La vera storia di un boom di contagi (di S.Lucarelli)/ 4.ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

278
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.