Me

Cannes, Quentin Tarantino in concorso con C’era una volta a Hollywood

Immagine di copertina
Crediti: Getty

Quando è stato comunicato il programma del Festival di Cannes, un grande assente ha lasciato l’amaro in bocca: Quentin Tarantino e il suo C’era una volta a Hollywood non erano nell’elenco. A distanza di qualche settimana, c’è stato un cambio di carte in tavola ed ecco che Tarantino, seppur in ritardo, si è unito alla kermesse francese.

Il suo C’era una volta a Hollywood, con il duo Leonardo DiCaprio e Brad Pitt, sarà in concorso al Festival di Cannes 2019.

A confermare la partecipazione di Tarantino alla kermesse è stato il delegato generale di Cannes Thierry Fremaux, il quale durante la conferenza stampa tenutasi il 18 aprile 2019 aveva dichiarato che la pellicola attesa di Tarantino era ancora in post produzione e che averla al festival francese era comunque una speranza.

Speranza che si è poi confermata realtà. Dopo le prime incertezze, il nono lungometraggio di Quentin Tarantino prenderà parte al Festival di Cannes 2019.

5 curiosità sul nuovo film di Quentin Tarantino

Del resto, il vincitore della Palma d’Oro con il suo prezioso Pulp Fiction nel 1994 non poteva mancare all’appello dei film in concorso, non con l’imminente uscita di C’era una volta a Hollywood.

Di cosa parla il nono film firmato Quentin Tarantino? L’abile regista ci riporta al culmine degli anni ’60, quando il mondo di Hollywood è stato stravolto da una terribile strage: gli omicidi della Manson Family – istigati da Charles Manson – colpirono sette persone, tra cui l’attrice Sharon Tate, all’epoca incinta.

Una storia di sfondo nel film, eppure importante, che avrà il suo impatto sulla storyline dei personaggi principali: Rick Dalton (DiCaprio), un attore di western televisivi che vuole ottenere successo al cinema, e la sua controfigura Cliff Booth (Pitt).

C’era una volta a Hollywood è il nono film di Tarantino ed è una delle pellicole più attese del 2019, in arrivo nelle sale italiane il 19 settembre.

Festival di Cannes 2019, Alice Rohrwacher nella giuria