Me

Salvini non parteciperà alle commemorazioni del 25 aprile: “Basta fascisti contro comunisti”

Immagine di copertina

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha annunciato che non prenderà parte alle commemorazioni che ogni anno si organizzano nel paese per celebrare il 25 aprile.

Il vicepremier sarà invece in Sicilia per un tour elettorale in vista delle amministrative che si terranno il 28 aprile nell’isola, passando per Bagheria e Monreale in provincia di Palermo, Caltanissetta, Gela e Motta Santa Anastasia.

“Perché  per uscire dal dibattito ‘fascisti e comunisti, destra e sinistra’, la liberazione dalla mafia, secondo me, è una priorità per il nostro Paese”, è la giustificazione fornita del ministro dell’Interno.

Alle dichiarazioni di Salvini ha subito risposto la presidente dell’Anpi, Carla Nespolo: “È istituzionalmente doveroso che Salvini esca dalla sua brutale propaganda contro una festa nazionale che ricorda tante donne e uomini sacrificatisi per ridare all’Italia la libertà sottratta dalla violenza e dai crimini del fascismo e del nazismo”.

“La liberazione dalla mafia è una battaglia quotidiana condotta con passione e impegno da magistrati, forze dell’ordine, giornalisti e sacerdoti, non uno strumento retorico da usare per non onorare con il dovuto rispetto l’antifascismo e la lotta partigiana”.

La decisione del leader della Lega non sorprende più di tanto. Il ministro aveva più volte sottolineato in passato la sua avversione nei confronti della Festa della Liberazione, anche se stavolta dato il suo ruolo istituzionale non ci si aspettava una simile defezione.