Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Ragazzino 12enne si infila 39 palline nel pene: “Ero curioso”

Immagine di copertina

Nell’età dello sviluppo, la scoperta della sessualità e del proprio corpo passa spesso per esperimenti non del tutto convenzionali.

Un adolescente di 12 anni ha dovuto subire un’operazione chirurgica a causa della sua “curiosità”. Si era infilato ben 39 palline di metallo nel pene. E non ci sono stati altri modi per estrarle.

Il ragazzo è originario della provincia cinese di Hubei, e una volta in ospedale ha riferito di aver “inserito la stringa di palline attraverso l’uretra”.

Nella cartella clinica della struttura pediatrica di Wuhan, il 13 gennaio scorso, i medici hanno scritto che il paziente ha “inghiottito alcuni oggetti estranei”, come riportato il giornale locale KanKan News. Si era trattata della prima scusa dichiarata dal ragazzo a causa della vergogna.

Dopo la radiografia, è stato impossibile mentire. L’urologo che ha seguito il caso, è rimasto scioccato nel trovare così tante Buckyballs, le palline che fanno parte di un gioco cinese, nel tratto urinario del ragazzino.

Le minuscole sfere magnetiche allineate a formare una sorta di “L” sono state mostrate chiaramente nella radiografia. Il personale medico ha quindi sottoposto il bimbo a un intervento chirurgico per estrarre le sfere.

Il ragazzino è ora in grado di urinare senza problemi e sta riprendendo le forze in ospedale.

 

Leggi anche: “La donna con 1 chilo e mezzo di metallo nello stomaco”