Me

Banche venete, Di Maio a Vicenza contestato dai risparmiatori | VIDEO

Non è stata certo una bella accoglienza quella che hanno trovato Matteo Salvini e Luigi Di Maio al loro arrivo al Centro Sport Palladio di Vicenza per l’assemblea nazionale dell’associazione “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza e in Veneto Banca”.

All’ingresso i due vicepremier hanno trovato decine di ex soci: fischi, urla e contestazioni hanno raggiunto soprattutto Luigi Di Maio, che è sfilato tra la folla senza fermarsi, scortato dalle forze dell’ordine.

> Di Maio e Salvini contro Bankitalia e Consob: “Vertici da azzerare”

Nel palazzetto dello sport oltre 1.200 persone. Imponente lo schieramento di agenti, in tenuta antisommossa, all’esterno: la circolazione di auto è stata interdetta in un raggio di 300 metri dal Centro Sport Palladio.

Diverso invece il clima all’interno, con la presidente dell’Associazione vittime salvabanche, Letizia Giorgianni, che ha riconosciuto al governo “una buona dose di coraggio politico” per aver impegnato risorse per i risparmiatori, ma la situazione con l’Ue, con il rischio che la legge incorra nelle procedure di infrazione, richiede “risposte credibili” dal governo.

> Carige: il governo M5s-Lega salva una banca esattamente come fece il PD, insultato per anni

Per quanto riguarda le risorse, Giorgianni riconosce che se “è vero che il limite del 30% fino al massimo di 100.000 euro ridimensiona le speranze di chi ha perso tutti i suoi risparmi nel naufragio delle banche italiane” è anche “vero che le misure previste mettono a disposizione un budget di 1,5 miliardi, in una congiuntura economica certo non favorevole”.

Il problema è che l’associazione ha appreso “non dall’esecutivo ma dai giornali, che i tecnici del governo hanno scritto che la legge viola in almeno due punti la vigente legislazione europea”.

“’È come”, sottolinea Giorgianni, “andare in giudizio davanti ad un tribunale, col tuo avvocato che all’inizio del processo consegna un promemoria al giudice in cui si dichiara convinto della tua colpevolezza! Difficile poi vincere la causa…”.

“Dunque oggi”, sottolinea, “è il momento della chiarezza. Cosa intende davvero fare questo governo? Se legge venisse contestata, il governo, come dice il vicepremier Luigi Di Maio, erogherà comunque i rimborsi secondo le procedure previste dalla legge di bilancio? Oppure, come dice il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci, saremo costretti a tornare indietro?”.