Me

Matteo Salvini vuole reintrodurre il grembiule a scuola: “Le divise sono un bene per i bambini”

Immagine di copertina

Il grembiule torna nelle scuole?

Uniforme – Il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, vorrebbe reintrodurre l’impiego della divisa scolastica negli istituti italiani: “Almeno alle scuole elementari rimettere il grembiule farebbe bene ai bambini ed eviterebbe simboli di diversità”, afferma il ministro dell’Interno parlando di “un’occasione di parità”.

Moda apparentemente superata – Sono in diminuzione gli istituti scolastici che richiedono il suo utilizzo. Ma il grembiule, l’uniforme scolastica uguale per tutti i bambini, potrebbe tornare a essere largamente impiegato in tutta Italia. Almeno questa è la volontà del ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini. Che si augura un ritorno all’uso della divisa scolastica.

Contro le discriminazioni – “Almeno alle scuole elementari rimettere il grembiule farebbe bene ai bambini ed eviterebbe simboli di diversità”, dice il vicepremier Salvini ospite di Tg2Italia. La discussione nasce dalla questione delle divise indossate dal ministro dell’Interno e contestate da alcuni organi, come i vigili del fuoco. Per Salvini, però, le divise sono un “segno di riconoscimento per chi ogni giorno sacrifica la propria vita per gli italiani”.

 Tutti uguali – Secondo Salvini sarebbe un sistema che permetterebbe di non fare più differenza tra chi ha “felpe da 400 euro” e chi indossa “golfini da 20 euro”. Sul tema si era già espresso a novembre anche il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, spiegando di ritenere condivisibile l’iniziativa degli istituti che decidono di far indossare l’uniforme per regolamento interno. Già nel 2008, l’allora ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini voleva rendere l’uniforme obbligatoria.

Sette in condatta – L’altro cambiamento riguarda la proposta sul voto in condotta. La Lega vuole abolire un altro pezzetto della Buona scuola e ripristinare nell’istruzione obbligatorio il voto in condotta che fa media. Ergo, se ti comporti male rischi la bocciatura anche se sei un fenomeno in italiano e matematica. La proposta è stata presentata dal capogruppo in Senato, Massimiliano Romeo, e l’idea è quella di combattere anche così i fenomeni di bullismo e cyberbullismo.

Quella di Salvini è una scuola dalle regole più ferree?