Me

M5S: sono stati espulsi i senatori De Falco e De Bonis e gli eurodeputati Moi e Valli

Immagine di copertina

Il 31 dicembre 2018 il Movimento 5 Stelle ha espulso i senatori De Falco (qui il suo profilo) e De Bonis (qui il suo profilo) e gli eurodeputati Moi (qui il suo profilo) e Valli (qui il suo profilo).

L’allontanamento di De Falco da M5S non è una sorpresa: con altri quattro parlamentari Cinquestelle, Paola Nugnes, Matteo Mantero, Elena Fattori e Virginia La Mura, si era astenuto dal voto di fiducia al decreto sicurezza, guadagnandosi il titolo di “dissidente”.

Il senatore De Falco ha votato con le opposizioni anche in merito al Condono per Ischia.

Qui l’intervista di TPI al senatore Gregorio De Falco: “Il decreto Sicurezza? Io non l’ho votato, gli altri se lo sono fatto piacere: se mi cacciano significa che il dissenso è vietato”.

Il Movimento ha invece deciso che non applicherà alcuna sanzione contro i senatori Matteo Mantero e Virginia La Mura, per i quali “i procedimenti disciplinari sono stati archiviati”.

Nei confronti di Elena Fattori e Paola Nugnes “i procedimenti disciplinari sono ancora pendenti”. È questo quanto si legge in una nota del collegio dei probi viri del Movimento 5 stelle pubblicato sul blog delle Stelle.

Espulsioni Movimento 5 stelle | Di Maio: “Nessuno è indispensabile”

Il capo politico M5s Luigi Di Maio ricorda a tutti che “quando i candidati del Movimento 5 Stelle entrano nelle liste accettano alcune regole, poche e chiare, che sono vincolanti per la loro candidatura”. 

Tutti gli eletti del Movimento in Parlamento” prosegue il vicepremier M5s “hanno quindi firmato e accettato anche la regola presente nel Codice Etico per cui i nostri parlamentari sono tenuti sempre a votare la fiducia ad un governo in cui il Movimento è parte della maggioranza”.

Nel Codice c’è effettivamente scritto che i portavoce eletti “si impegnano a votare la fiducia, ogni qualvolta ciò si renda necessario, ai governi presieduti da un presidente del consiglio dei ministri espressione del MoVimento 5 Stelle”.

Qui il comunicato:

“Gli iscritti al MoVimento 5 Stelle possono essere sottoposti a sanzioni disciplinari per il venir meno dei requisiti di iscrizione e per la violazione dei doveri stabiliti dallo Statuto e dal Codice Etico.
Le sanzioni disciplinari applicabili sono: il richiamo, la sospensione, l’espulsione.

A fronte di comportamenti contrari alle norme dello Statuto e del Codice Etico, accettato e condiviso da eletti ed iscritti, il Collegio dei Probiviri ha preso le seguenti decisioni nei confronti di

– Gregorio De Falco: Espulsione (reiterate violazioni art. 11 Statuto; art. 3 Cod. Etico)
– Saverio De Bonis: Espulsione (violazione art. 11 Statuto; art. 6 c. 4, Cod. Etico)
– Giulia Moi: Espulsione (violazione art. 11, lettera m, Statuto; art. 3 Cod. Etico)
– Marco Valli: Espulsione (violazione art. 11, lettera m, Statuto)
– Lello Ciampolillo: Richiamo (violazione art. 11 Statuto; art. 3 Cod. Etico)

Nei confronti di Matteo Mantero e di Virginia La Mura i procedimenti disciplinari sono stati archiviati.

Nei confronti di Elena Fattori e Paola Nugnes i procedimenti disciplinari sono ancora pendenti.

Le motivazioni dei singoli provvedimenti disciplinari sono state inviate ai diretti interessati.

Queste decisioni sono atte a tutelare la comunità del Movimento 5 stelle, che si riconosce nei suoi valori e nel rispetto delle regole”.