Me

Le mostre da visitare durante le vacanze di Natale

Dalla pittura ai fumetti, un percorso che attraversa tutta la Penisola

Immagine di copertina
(Immagini: Disney/Pixar Palazzo delle Esposizioni; Escher Pan; Galleria Nazionale dell'Umbria)

La cultura, fortunatamente, non va mai in vacanza. E così dopo brindisi e cene il momento migliore da concedersi per rilassarsi – e apprendere – è visitare qualche mostra. Tantissime quelle nel Paese, dalle regioni del Nord a quelle Sud, tutte in programmazione (anche) nel periodo di Natale.

Le mostre nel Nord Italia

Partendo dalla Valle d’Aosta, per gli appassionati di fotogiornalismo imperdibile è la mostra dedicata al World Press Photo, l’organizzazione che ogni anno premia l’immagine-notizia più significativa. Accessibile fino al 6 gennaio 2019 a Forte di Bard, l’esposizione ospita anche la fotografia dell’anno: quella di Ronaldo Schemidt in cui è raffigurato un ragazzo in fuga, avvolto dalle fiamme, durante una manifestazione contro il presidente Nicolás Maduro a Caracas.

“Ercole e il suo mito”, alla Reggia di Venaria Reale in Piemonte , sarà visitabile fino al 10 marzo: un allestimento incentrato sull’eroe mitologico greco con più di 70 opere tra ritrovamenti archeologici, gioielli e sculture. Nella stessa regione, alla Gam di Torino, c’è “I Macchiaioli. Arte italiana verso la modernità”, mostra che raccoglie i dipinti della corrente artistica risalente all’Ottocento toscano.

A Milano, invece, ci sono due mostre-evento su Picasso (“Picasso Metamorfosi”, fino al 17 febbraio) e Carlo Carrà (fino al 3 febbraio), entrambe a Palazzo reale. I capolavori di Paul Klee, maestro dell’astrattismo, potranno essere osservati al Mudec, così come le creazioni di uno dei più celebri street artist contemporanei, Banksy. Accontentati anche i collezionisti di fumetti: nel capoluogo lombardo “Tex. 70 anni di mito” al Museo della Permanente.

Per chi ama Tiziano, Gerhard Richter e Chagall, la città giusta è Mantova. Per i primi due l’appuntamento è fino al 6 gennaio al Palazzo Te; per il terzo fino al 3 febbraio al Palazzo della Ragione.

In Veneto, e precisamente a Venezia, le opere di Tintoretto – il manierista “furioso o terribile” come lo definì Giorgio Vasari – sono allestite alle Gallerie dell’Accademia. A Treviso, alla Casa dei Carraresi, l’esposizione “Elliott Erwitt: i cani sono come gli umani, solo con più capelli” raccoglie una selezione di fotografie dedicate agli animali domestici.

Omaggio anche all’arte giapponese: i lavori di Katsushika Hokusai (1760-1849) e Utagawa Hiroshige (1797-1858) sono in esposizione al Museo Civico Archeologico di Bologna fino al 3 marzo. Al padre del realismo, Gustave Courbet, è dedicato l’allestimento a Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

Le mostre nel Centro Italia

In Toscana, a Pisa, è possibile visitare fino al 17 febbraio 2019 la mostra “Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou”. Per gli amanti dell’eclettismo prosegue a Firenze l’esposizione dedicata all’artista serba Marina Abramović, “The cleaner”.

Nelle Marche, invece, largo spazio nella Mole a “Sebastião Salgado. Genesi”, l’allestimento con le fotografie che mostrano la bellezza dei luoghi più remoti del pianeta. Dal canto suo la Galleria Nazionale dell’Umbria, a Perugia, espone una selezione di opere di artisti attivi tra il Duecento e la metà del Cinquecento.

Nella Capitale figure famosissime dell’american culture, Andy Warhol e Jackson Pollock, sono celebrati con due mostre. Serigrafie, fotografie e video del primo sono stati allestiti al Complesso del Vittoriano fino al 3 febbraio. Nello stesso luogo, ma fino al 24, le tele action painting del secondo.

Sempre a Roma, a Palazzo delle Esposizioni, due sono gli allestimenti programmati. Uno è dedicato agli abiti di scena realizzati da Piero Tosi, costumista di Luchino Visconti, Federico Fellini e Pier Paolo Pasolini. L’altro al mondo Pixar, tra bozzetti, modellini e filmati sui personaggi dei cartoni animati creati da Disney. Alle Scuderie del Quirinale, appuntamento imperdibile con la mostra “Ovidio. Amori, miti e altre storie”.

Le mostre nel Sud Italia

Una grande retrospettiva è stata dedicata a Escher – incisore e grafico olandese del Novecento – al Pan di Napoli fino al 22 aprile 2019. A Polignano a Mare, in provincia di Bari, è possibile accedere alla mostra fotografica che rende omaggio a Pino Pascali, mentre a Palazzo Abatellis di Palermo c’è un’imponente esposizione delle opere di Antonello Da Messina, uno dei pittori più importanti del ‘400 e ispirato alla scuola fiamminga degli stessi anni.

Infine, fino al 13 gennaio, presso la Galleria Spazio Immagine di Campobasso è possibile visitare “14-18 La guerra a colori”: il racconto per immagini, scattate direttamente sul fronte, sul Primo conflitto mondiale.