Me

Ddl Pillon: cosa prevede il disegno di legge sull’affido condiviso dei figli

Immagine di copertina
Salvini e Pillon

DDL PILLON – Si è discusso molto in questi giorni del disegno di legge del senatore leghista Pillon sull’affido condiviso dei figli e il loro mantenimento.

Il ddl introduce la “bigenitorialità perfetta”: in caso di separazione di una coppia, il mantenimento dei figli, il loro affido, e di conseguenza i costi e il tempo passato con loro, devono essere equamente divisi tra padre e madre.

> A ROMA SABATO 10 NOVEMBRE LA MANIFESTAZIONE CONTRO IL DDL

Che cosa prevede il ddl Pillon

Il disegno di legge a prima firma Pillon è arrivato in commissione Giustizia del Senato lo scorso 10 settembre 2018.

Il senatore leghista e organizzatore del Family Day, noto per le sue prese di posizione contro le unioni civili e l’aborto, ha difeso il disegno di legge, che era stato ampiamente criticato da più parti, sostenendo che non è vero che sia maschilista ma che ha l’obiettivo di diminuire la conflittualità tra i genitori e consentire ai bambini di stare con padre o madre per tutto il tempo che vogliono.

Il ddl punta tra le altre cose a prevedere come obbligatoria per le coppie con figli la mediazione al fine di aiutarle a trovare un accordo nell’interesse dei minori.

Uno dei temi centrali è infatti quello del tempo trascorso con i genitori: “Indipendentemente dai rapporti intercorrenti tra i due genitori, il figlio minore, nel proprio esclusivo interesse morale e materiale, ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con il padre e con la madre, di ricevere cura, educazione, istruzione e assistenza morale da entrambe le figure genitoriali, con paritetica assunzione di responsabilità e di impegni e con pari opportunità. Ha anche il diritto di trascorrere con ciascuno dei genitori tempi paritetici o equipollenti, salvi i casi di impossibilità materiale”, si legge all’articolo 11. Il giudice deve assicurare il diritto del minore di trascorrere “tempi paritetici in ragione della metà del proprio tempo, compresi i pernottamenti, con ciascuno dei genitori. Salvo diverso accordo tra le parti, deve in ogni caso essere garantita alla prole la permanenza di non meno di dodici giorni al mese, compresi i pernottamenti, presso il padre e presso la madre”, si legge ancora.

Il ddl Pillon si propone inoltre di contrastare il fenomeno dell’alienazione genitoriale: “Nelle situazioni di crisi familiare il diritto del minore ad avere entrambi i genitori finisce frequentemente violato con la concreta esclusione di uno dei genitori (il più delle volte il padre) dalla vita dei figli e con il contestuale eccessivo rafforzamento del ruolo dell’altro genitore”, si legge all’articolo 12.

Sparirebbe inoltre la cifra forfettaria stabilita automaticamente, sostituita da un assegno calcolato ad hoc sui figli e sul progetto che i genitori hanno su di loro. La cifra stabilita sarà poi divisa equamente tra i genitori, in base a quanto guadagnano.

Se una donna è priva di reddito, tutte le spese toccheranno al padre, che però non darà un assegno forfettario, ma pagherà direttamente le spese vive, o pagherà una cifra a fronte di fattura.

Una delle critiche più accese riguarda il fatto che tale ddl di fatto sarebbe un disincentivo per le donne che subiscono violenza a chiedere la separazione.

“In caso di violenza domestica non ci può essere affido condiviso. Ma le dico di più: vogliamo punire tanto la violenza quanto le false accuse di violenza”, spiega Pillon in un’intervista a Vanity Fair, riferendosi a quelle accuse che lui definisce strumentali, “usate come minaccia per ottenere la custodia del figlio e alienarlo dal partner”.

Le spaccature con il M5s sul ddl Pillon

“Sul ddl Pillon è in corso un confronto all’interno della maggioranza: ci sono alcuni aspetti che secondo noi meritano un approfondimento”, hanno dichiarato in una nota esponenti del Movimento Cinque Stelle, dicendo di voler intervenire per alcune modifiche

Due giorni dopo le polemiche sul contestato disegno di legge che riforma “affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità”, i 5 stelle sono intervenuti con una nota in cui dichiarano di voler cambiare alcuni aspetti. Si tratta di un testo che ha l’obiettivo di applicare il contratto di governo Lega – M5s in tema di famiglia.

Il gruppo M5s non intende dare il proprio appoggio se prima non saranno fatte modifiche consistenti al provvedimento, come spiega il Fatto Quotidiano.

Le polemiche sul ddl Pillon

Tantissime le critiche che il ddl Pillon si è attirato, in particolare dalle donne, sia attiviste che parlamentari. Il ddl è stato da più parti accusato di essere maschilista e andare contro le donne che si trovano in situazioni più deboli, oltre che a non guardare al supremo interesse del minore.

Il provvedimento infatti, secondo le esponenti del Pd, “stravolge il diritto di famiglia vigente” in Italia; “mina alla base lo sviluppo armonico di bambine e bambini figli di coppie separate, costringendoli a vivere scissi in tempi paritetici tra genitori”; “aggrava i costi della separazione inserendo obbligatoriamente la figura del ‘mediatore familiare’, che è a carico di chi si separa”.

“L’art. 11 del progetto di legge prevede poi – si legge ancora nella lettera delle donne democratiche – che chi non ha la possibilità di ospitare il figlio in spazi adeguati non ha il diritto di tenerlo con sé secondo tempi ‘paritetici’. Dunque, il genitore più povero rischia di perdere anche la possibilità di vedere il figlio”. “In buona sostanza

“Si rischia che per questioni economiche siano sempre meno quelli che potranno separarsi, mentre aumenterà il numero di figli costretti a vivere con due genitori che si odiano”.

Campagna regione lazio

“Vogliamo dire basta alla retorica sui padri separati, che nella narrazione pubblica sono le uniche vittime e in stato di povertà. Nella separazione è tutto il nucleo familiare che si impoverisce. Ma le donne molto spesso “non dicono”, non denunciano la violenza economica e psicologica che subiscono nella separazione”, scrivono ancora le parlamentari dem.

Ddl Pillon | Cosa dice il contratto di governo sul tema del diritto di famiglia

Nel contratto di governo, al paragrafo diritto di Famiglia, si legge quali sono gli obiettivi del governo Lega-M5s: nell’ambito di una rivisitazione dell’istituto dell’andamento condiviso dei gli, l’interesse materiale e morale del figlio minorenne non può essere perseguito se non si realizza un autentico equilibrio tra entrambe le figure genitoriali, nel rapporto con la prole.

Pertanto sarà necessario assicurare la permanenza del figlio con tempi paritari tra i genitori, rivalutando anche il mantenimento in forma diretta senza alcun automatismo circa la corresponsione di un assegno di sostentamento e valutando l’introduzione di norme volte al contrasto del grave fenomeno dell’alienazione parentale.

È necessario riorganizzare e semplificare il sistema delle adozioni nazionali e internazionali.