Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Lite senza precedenti tra Sgarbi e Giordano a Cartabianca. La Berlinguer furiosa | Video

 

La conduttrice Bianca Berlinguer urla al critico d’arte Vittorio Sgarbi “Ti butto fuori”, mentre l’ex direttore del Tg4 Mario Giordano, in collegamento, si agita e grida. È questa la scena che si è venuta a creare al talk show politico Cartabianca martedì 9 ottobre 2018.

La rissa è scoppiata per le diverse posizioni dei due ospiti sul caso Riace e sull’arresto del sindaco Domenico Lucano. Il primo cittadino è infatti ai domiciliari: al centro dell’indagine la gestione dei finanziamenti per l’accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo politico.

La conduttrice Bianca Berlinguer ha provato a placare gli animi, gridando a Sgarbi presente in studio: “Ti butto fuori, niente parolacce”. A Cartabianca non si era mai vista una bagarre simile.

A iniziare la rissa è stato Giordano, il giornalista di Mediaset che, in collegamento e munito di cartelli, ha sottolineato come il rispetto della legge sia sacro.

A rafforzare questa posizione ha citato le Brigate Rosse che violavano la legge “in nome di un bene supremo”.

“La nostra bussola è il rispetto della legge, la disobbedienza civile non si fa di nascosto, ma davanti alle telecamere correndo dei rischi. La legge è sacra”.

Sgarbi furioso ha risposto a Giordano: “La legge non è sacra, la legge non è sacra, la legge non è sacra, la legge non è sacra, testa di ca..o. Il sacro riguarda Dio, la legge la fanno gli uomini, imbecille. Se la legge è sacra è sacra anche la persecuzione degli ebrei”.

Sgarbi ha aggiunto: “Questo qui – riferendosi a Giordano – a settembre ha intervistato Salvini, che ha attaccato Patronaggio (il pm che ha indagato il ministro per il caso Diciotti, ndr). In quel caso non ha detto che la legge è sacra, ipocrita”.