Me
Tragedia ad Asti: 21enne annega in piscina, l’amica 18enne muore per cercare di salvarlo
Condividi su:
ragazzi annegati piscina asti

Tragedia ad Asti: 21enne annega in piscina, l’amica 18enne muore per cercare di salvarlo

Durante una festa in una villa a Castelnuovo Son Bosco, il ragazzo è scivolato in acqua senza sapere nuotare. Nel tentativo di aiutarlo, la giovane donna è stata trascinata sul fondo e ha perso i sensi

23 Ago. 2018
ragazzi annegati piscina asti

Un ragazzo di 21 anni di Chieri e l’amica di 18 anni, residente a Cambiano, sono morti mercoledì 22 agosto annegati in piscina durante una festa in una villa a Castelnuovo Don Bosco, nell’Astigiano.

Sull’episodio stanno indagando i carabinieri, ma la dinamica è apparsa subito chiara. Il giovane, Marco Lipari, era uno degli amici dei figli dei custodi della villa che appartiene a un medico, un cardiochirurgo che lavora a Torino.

È probabile che Lipari non sapesse nuotare: per tutto il giorno si era tenuto nella parte della piscina meno profonda, dove poteva tenere i piedi appoggiati sul fondo. Durante un gioco tra i ragazzi, è finito nella parte più alta e ha iniziato ad annaspare.

L’amica ha cercato di aiutarlo in tutti i modi ma non è riuscita a salvarlo, anzi è stata trascinata sott’acqua anche lei e ha perso i sensi.

I soccorritori del 118 hanno cercato a lungo di rianimarla.

La ragazza è stata trasportata in gravi condizioni in codice rosso alle Molinette dove è morta.

L’equipe arrivata sul posto ha cercato di rianimare Lipari per più di un’ora, prima che si arrendesse al fatto che il ragazzo ormai fosse morto e non ci fosse più nulla da fare per salvarlo.

Sono in corso gli accertamenti dei carabinieri che hanno ascoltato la ricostruzione di quello che è accaduto dalle testimonianze dei ragazzi che hanno assistito impotenti alla morte di Marco e ai tentativi di salvataggio dell’amica.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus