Me

Il Bed and breakfast che offre lo sconto alle famiglie no-vax

Immagine di copertina
Il post su Facebook pubblicato dal Bed and Breakfast Vitellia Bellegra Roma

Il Bed and Breakfast Vitellia Bellegra Roma ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un’offerta con uno sconto del 70 al 90 per cento ai no-vax.

Dopo l’hotel di Ischia che aveva lanciato una promozione sui prezzi di soggiorno per gli elettori di Matteo Salvini, adesso anche questa struttura offre un prezzo speciale, questa volta ai free e ai no-vax e un “prezzo pieno per gli altri”.

Il B&B Vitellia Bellegra Roma si trova a Bellegra nel Lazio, vicino a Palestrina sulla via Vitellia.

La struttura è presente anche sul sito di Tripadvisor, dove viene commentata con due sole recensioni, il voto medio è 4,5 su 5.

In una delle due recensioni si legge “La struttura è molto carina e ben arredata in stile rustico. Ottimale per coppie o famiglie. Situato nel centro storico di bellegra, luogo molto tranquillo, ideale per staccare dal caos della città. Il propietario è una persona molto cordiale e simpatica”.

Nei commenti sotto il post di Facebook che promuove lo sconto alle famiglie No-vax si legge: “mi sa che faccio un salto, pago con lo sconto e quello che risparmio, magari, lo lascio di mancia!”.

Un’altra utente invece commenta: “Pensavo fosse un fake! Grazie da parte di tutti i bambini immunodepressi che non possono vaccinarsi e che grazie alla vostra ignoranza rischiano molto di più. Complimenti”.

E c’è anche chi scrive: “Bravissimi, vi faccio tutta la pubblicità possibile, seguo il vostro esempio offrendo sconti a free vax e no vax e invito tutti a fare altrettanto. È la migliore risposta possibile a queste discriminazioni. Loro discriminano, vietano e obbligano, noi facciamo regali. Diffusori di odio, mangiatevi il fegato da soli”.

Dopo le polemiche per il rinvio di un anno delle vaccinazioni obbligatorie per i bambini iscritti a nidi e materne, il ministro della Salute Giulia Grillo ha chiarito su Facebook il suo pensiero e la strategia messa in campo dal governo sul tema delle vaccinazioni.

“Speravo di non dover intervenire per l’ennesima volta sul tema delle vaccinazioni che da strumento di prevenzione primaria si sono trasformate in strumento di lotta politica a tratti con toni di guerra di religione”, scrive il ministro nel suo post.

Qui abbiamo intervistato la mamma di Viola, una bambina di tre anni immunodepressa: “Ministra Grillo, ecco perché mia figlia immunodepressa rischia la vita se gli altri bimbi non sono vaccinati”. A settembre Viola andrà all’asilo, ma il rischio che contragga malattie stando a contatto con bambini non vaccinati è molto alto.