Me

Salvini contro Benetton: “Spot con i migranti sul barcone è squallido”

La pubblicità provocatoria del gruppo, noto per le scelte radicali durante le campagne, ha scatenato la reazione del ministro dell’Interno che si è espresso sui social

Immagine di copertina

Il nuovo spot della Benetton a firma Oliviero Toscani ha fatto molto discutere.

Una doppia pagina, senza alcun commento. Solo la foto di un gommone con a bordo decine di migranti soccorsi dalla ong Sos Med, ritratti da Kenny Karpov. E in basso a destra, il marchio: United Colors of Benetton.

Negli scatti scelti dal fotografo si possono vedere migranti in viaggio sui barconi. Nella prima si vedono persone aggrappate ad un gommone che indossano dei salvagente arancioni in attesa di essere tratte in salvo mentre nella seconda ci sono delle donne e dei bambini in fila durante i primi soccorsi assistiti da un’operatrice della Croce Rossa .

La pubblicità provocatoria del gruppo, noto per le scelte radicali durante le campagne, scatena la reazione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Squallida”, viene definita dal vice-premier la doppia pagina comparsa lunedì sul Corriere della Sera.

In un tweet, Salvini si interroga in un tweet: “Solo io trovo che sia squallido?”.

“Ho fatto vedere ciò che sta succedendo – ha spiegato Toscani in un’intervista telefonica a Radio Padova – il problema è che una volta eravamo un paese di brave persone, eravamo un paese dell’onestà e della generosità. Purtroppo questo piccolo benessere, che non è stato neanche a disposizione di tutti, ci ha fatto diventare egoisti e devo dire anche abbastanza ottusi“.