Me

Gambia, l’ex dittatore Jammeh accusato di aver ucciso decine di migranti

Secondo le ong Human Rights Watch e Trial International, l'ex presidente fece uccidere oltre 50 migranti africani confondendoli per potenziali ribelli

Immagine di copertina
Yahya Jammeh è stato presidente del Gambia dal 1994 al 2017. Credit: Afp

L’ex dittatore del Gambia, Yahya Jammeh, è accusato di aver fatto uccidere sommariamente oltre 50 migranti provenienti da altri paesi dell’Africa occidentale.

Lo sostengono due organizzazioni internazionali, Human Rights Watch (Hrw) e Trial International.

I fatti risalgono al luglio 2005: le vittime sarebbero migranti irregolari, di cui 44 provenienti dal Ghana, e la restante parte da Nigeria, Senegal, Togo, arrestati su una spiaggia del Gambia mentre tentavano di raggiungere l’Europa.

Gli omicidi sarebbero stati eseguiti da una unità paramilitare controllata dallo stesso Jammeh, presidente dal 1994 al 2017.

Secondo le due organizzazioni che lo accusano, i migranti uccisi erano sospettati di essere mercenari inviati nel paese per rovesciare il regime.

Le ong basano le loro affermazioni sulle interviste condotte negli ultimi due anni a una trentina di ex funzionari delle forze di sicurezza del Gambia.

Secondo quanto riportato, nel giro di una settimana, i “Jungler”, un’unità non ufficiale di soldati selezionati della Guardia Nazionale, “hanno giustiziato sommariamente otto migranti vicino alla capitale Banjul e gli altri lungo il confine senegalese”.

Tuttavia una relazione congiunta della Comunità economica degli stati dell’Africa occidentale e delle Nazioni Unite ha concluso che il governo non è stato “direttamente o indirettamente coinvolto” nella vicenda.

La relazione afferma che gli omicidi sono stati perpetrati da “elementi incontrollati” all’interno dei servizi di sicurezza del Gambia “che agivano a proprio nome”.

“I migranti dell’Africa occidentale sono stati uccisi da uno squadrone della morte che ha preso ordini direttamente dal presidente Jammeh”, ha detto Reed Brody, consulente legale di Human Rights Watch.

“I subordinati di Jammeh hanno quindi distrutto prove vitali per impedire agli investigatori internazionali di scoprire la verità”, ha aggiunto Brody.

Human Rights Watch e Trail International hanno chiesto l’apertura di un’indagine da parte delle autorità del Ghana, che potrebbe portare a una richiesta di estradizione di Jammeh.

Nel dicembre 2016 Jammeh ha perso le elezioni contro Adama Barrow, ma non ha inizialmente voluto riconoscere il risultato.

All’inizio del 2017, ha dovuto rassegnare le dimissioni dopo le pressioni della comunità internazionale. Oggi vive in esilio in Guinea Equatoriale.

Barrow si è detto favorevole all’estradizione del suo predecessore Jammeh, nel caso in cui una commissione di inchiesta sulle violazioni dei diritti umani da parte del dittatore dovesse raccomandarne il rinvio a giudizio.