Me
Un iceberg più grande della Liguria si è staccato dall’Antartide
Condividi su:
iceberg antartide
Credit: Reuters

Un iceberg più grande della Liguria si è staccato dall’Antartide

Il blocco di ghiaccio ha un'area di circa 6mila chilometri quadrati e uno spessore di 190 metri sopra il livello del mare

11 Mar. 2018
iceberg antartide
Credit: Reuters

Uno dei più grandi iceberg mai registrati si è appena staccato dall’Antartide.

Secondo i ricercatori dell’Agenzia spaziale europea (Esa) il blocco di ghiaccio ha un’area di circa 6mila chilometri quadrati, pari quasi a quella della Liguria, pari a oltre il 10 per cento dell’intera superficie della piattaforma Larsen C, da cui si è staccato.

Noel Gourmelen, dell’Università di Edimburgo, sostiene che l’iceberg ha uno spessore di 190 metri sopra il livello del mare, una profondità di oltre 200 metri e contiene circa 1.155 chilometri cubi di ghiaccio che equivale a una quantità d’acqua sufficiente a riempire 462 milioni di piscine olimpioniche.

L’incertezza principale riguarda ora il percorso che intraprenderà. Il blocco è al momento fermo tra la piattaforma da cui si è separato e i ghiacci che lo circondano, tuttavia il timore dei ricercatori è che l’iceberg venga spinto dai venti della corrente circumpolare verso nord-est, in direzione dell’Oceano Atlantico e che possa disturbare le operazioni di pesca nell’area.

Ciò che stupisce di questo enorme blocco di ghiaccio sono i numeri che contraddistinguono. A quanto ammontano infatti 1.155 chilometri cubi di ghiaccio? L’Italia, per esempio, consuma ogni anno 5,2 chilometri cubi d’acqua, pari a 5mila e duecento miliardi di litri.

La sua superificie poi è pari quasi a quella della Liguria e, se trasportato in Cina, potrebbe coprire l’intera città di Shangai. In Europa, riuscirebbe a occupare il doppio della superficie del Lussemburgo.

– LEGGI ANCHEUn iceberg grande come il Molise rischia di staccarsi dall’Antartide

Il video dell’enorme iceberg che sta per staccarsi dall’Antartide

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus