L’Italia risarcirà 6 vittime delle violenze avvenute a Bolzaneto durante il G8 di Genova
Condividi su:

L’Italia risarcirà 6 vittime delle violenze avvenute a Bolzaneto durante il G8 di Genova

I sei cittadini, italiani e stranieri, avevano fatto ricorso alla Corte europea dei diritti umani. Riceveranno un risarcimento di 45mila euro ciascuno

06 Apr. 2017  

Sei cittadini, vittime di abusi e violenze nella caserma di Bolzaneto il 21 e 22 luglio 2001, ai margini del G8 di Genova, riceveranno un risarcimento di 45mila euro ciascuno per danni morali e materiali e spese processuali da parte del governo italiano.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Lo rende noto la Corte europea dei diritti umani in due decisioni in cui “prende atto della risoluzione amichevole tra le parti” e stabilisce di chiudere questi casi. 

I sei cittadini, italiani e stranieri, avevano fatto ricorso alla Corte europea dei diritti umani. Ricorsi in cui si sostiene che lo Stato italiano ha violato il loro diritto a non essere sottoposti a maltrattamenti e tortura e si denuncia l’inefficacia dell’inchiesta penale sui fatti di Bolzaneto.

I sei ricorrenti che hanno accettato l’accordo sono Mauro Alfarano, Alessandra Battista, Marco Bistacchia, Anna De Florio, Gabriella Cinzia Grippaudo e Manuela Tangari. Con l’accordo, si legge nelle decisioni della Corte, il governo afferma di aver “riconosciuto i casi di maltrattamenti simili a quelli subiti dagli interessati a Bolzaneto come anche l’assenza di leggi adeguate.

E si impegna a adottare tutte le misure necessarie a garantire in futuro il rispetto di quanto stabilito dalla Convenzione europea dei diritti umani, compreso l’obbligo di condurre un’indagine efficace e l’esistenza di sanzioni penali per punire i maltrattamenti e gli atti di tortura”.

Inoltre, nell’accordo il governo si impegna anche “a predisporre corsi di formazione specifici sul rispetto dei diritti umani per gli appartenenti alle forze dell’ordine”.

I ricorrenti, in cambio del risarcimento, “rinunciano a ogni altra rivendicazione nei confronti dell’Italia per i fatti all’origine del loro ricorso”.

Dal 19 al 22 luglio del 2001 si svolse a Genova, in Italia, il G8, il vertice fra i capi di governo dei maggiori Paesi industrializzati al mondo. Durante le quattro giornate dell’incontro, la città divenne teatro di manifestazioni che videro protagonisti diverse associazioni pacifiste e membri del movimento no-global, contrario al fenomeno della cosiddetta globalizzazione. 

Le proteste sfociarono spesso in accesi scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine. In uno di questi, il manifestante e anarchico italiano Carlo Giuliani, di 23 anni, rimase ucciso da un colpo di pistola del carabiniere ausiliare Mario Placanica, allora ventenne. 

— LEGGI ANCHE: COSA ACCADDE A GENOVA NEL 2001

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata