Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Ecco perché non dovresti usare FaceApp: i rischi per la privacy

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 19 Giu. 2020 alle 12:50 Aggiornato il 19 Giu. 2020 alle 12:54
153
Immagine di copertina

FaceApp, i rischi per la privacy

FaceApp è tornata di moda. L’applicazione che permette di cambiare la tua faccia ha sviluppato un modo per farci vedere come saremmo se fossimo di sesso opposto. L’app è stata utilizzata da tutti: dai vip agli utenti comuni per scoprire come potessero essere se fossero stati dell’altro sesso ma la sua politica sulla privacy è particolarmente criticata.

Per utilizzare il sistema di FaceApp bisogna infatti accettare una privacy policy che consente al sistema in questione di registrare ad esempio l’IP dell’utente che utilizza l’app. Inoltre la stessa FaceApp può registrare la pagina web visualizzata appena prima fi utilizzare il servizio. Tutte le informazioni ottenute così da FaceApp vengono in seguito trasferite a terze parti, comprese quelle che registrano alcune nostre attività online.

Si legge nel testo che spiega la politica sulla privacy: “Trasformiamo le informazioni personali in dati anonimi, aggregati o non identificati rimuovendo le informazioni che rendono i dati personali identificabili all’utente. Possiamo utilizzare questi dati anonimi, aggregati o non identificati e condividerli con terze parti per i nostri legittimi scopi commerciali”.

Inoltre stando a quando si legge sulla policy: “Le fotografie rimangono nel cloud per un periodo limitato di 24-48 ore dopo l’ultima modifica della foto, in modo da poter tornare all’immagine e apportare ulteriori modifiche se lo si desidera”.

Il precedente

FaceApp era già finita nella bufera l’anno scorso, quando numerosi utenti chiesero di cancellare le tracce del loro utilizzo dai server dell’applicazione. L’applicazione sviluppata da Wireless lab – società fondata da Yaroslav Goncharov che era stato dirigente di Yandex, il principale motore di ricerca russo – precisò che “i dati degli utenti non venivano trasferiti in Russia”. Secondo quanto riportato da diversi esperti gli utenti potranno richiedere la cancellazione di foto e dati anche prima delle 48 ore dopo le quali il tutto si cancella autonomamente.

LEGGI ANCHE: 1. Li riconoscete? 10 volti famosissimi cambiano sesso con la app del momento/ 2. Da donna a uomo e viceversa: Faceapp, l’app virale che cambia il genere con un clic / 3. Bambino scomparso, ritrovato dopo 18 anni grazie a una FaceApp

153
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.