Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

L’Ucraina potrebbe censurare le immagini dei Mondiali di Russia 2018

Immagine di copertina
Il logo del Mondiale 2018

Troppo alta la tensione politico-militare con la Russia

Tra un paio di settimane prenderà il via il Mondiale di Russia 2018. Un evento atteso da quattro anni da tantissimi appassionati di calcio e non solo. In ogni paese, compresa l’Italia – che come noto non parteciperà alla kermesse -, milioni di persone si piazzeranno davanti alle tv per ammirare le giocate dei tanti campioni.

Per qualcuno però il Mondiale russo non esiste. O meglio: esiste, ma è uno spettacolo di propaganda russa e come tale non va trasmesso in televisione, men che meno da quella di Stato. Si tratta dell’Ucraina.

Che i rapporti tra Russia e Ucraina non siano idilliaci (eufemismo) è arcinoto. La situazione politico-militare ancora non ben definita nel Donbass e in Crimea non aiuta certo a ricucire lo strappo e la tensione è ancora alta.

Anche per questo a lungo ci si è posti un problema: giusto mandare la squadra guidata da Shevchenko a giocare il mondiale in una nazione che l’Ucraina considera autrice di un’aggressione alla sovranità nazionale?

Risposta alla domanda arrivata dai risultati della nazionale ucraina: terzo posto nel girone dietro Islanda e Croazia e quindi niente Mondiale.

Ucraina o no, il mondiale c’è lo stesso. E quindi? Trasmettere la competizione in tv? O cedere alle pressioni dei nazionalisti, che si sentirebbero offesi se qualcuno decidesse di trasmettere quelli che vengono considerati dei veri e propri messaggi propagandistici del “nemico” russo?

Intanto, secondo quanto riporta un’agenzia della TASS di qualche giorno fa, il parlamento potrebbe addirittura vietare la trasmissione della manifestazione. La TV di stato avrebbe già fatto un passo indietro, mentre le emittenti private sembrano restie all’acquisto dei diritti, per timore di ripercussioni di immagine.

Insomma, il rischio per gli appassionati di calcio ucraini di non poter vedere i gol di Messi e colleghi sembra molto alto. Vedremo se alla fine non verrà trovato un escamotage.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Ti potrebbe interessare
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio