Stramaccioni, che caos a Teheran: proteste di piazza per lui

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 9 Dic. 2019 alle 12:50 Aggiornato il 9 Dic. 2019 alle 12:53
1
Immagine di copertina

Iran, proteste di piazza per Stramaccioni

Proteste in piazza a Teheran per l’addio di Andrea Stramaccioni alla panchina dell’Esteghal. È successo questa mattina, 9 dicembre 2019, sotto la sede del ministero dello sport dove circa un centinaio di tifosi della principale squadra iraniana e prima in classifica hanno espresso il loro dissenso per l’allontanamento del tecnico italiano.

Putiferio scoppiato ieri quando l’ex Inter ha rescisso il contratto per giusta causa per irregolarità nei pagamenti. I tifosi dell’Esteghal si sono quindi schierati dalla parte di Stramaccioni, quasi un idolo a Teheran avendo risollevato la squadra che veniva da un periodo difficile. La furia dei tifosi è rivolta verso i dirigenti e il ministero dello sport che detiene la proprietà del club.

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, l’ex allenatore dell’Inter avrebbe lasciato Teheran nella notte su un volo privato, mentre i suoi collaboratori sarebbero ancora in città e non sarebbero stati autorizzati dalle autorità a lasciare il Paese. Il presidente Fatih e tutto il board si sono dimessi e la società ha emesso una nota ufficiale comunicando che ricominceranno le trattative per riportare Strama a Teheran con un nuovo contratto.

Intanto, dato che le autorità temono disordini che si aggiungerebbero alle tensioni sociali e agli scontri delle ultime settimane, si sta valutando di far giocare a porte chiuse la partita di campionato dell’Esteghlal in programma oggi.

LE NOTIZIE DI SPORT

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.