Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Tennis, mazzata per Sara Errani: altri 8 mesi di squalifica

Immagine di copertina
La tennista italiana Sara Errani

La tennista italiana sconterà la squalifica l'8 febbraio 2019

Brutte notizie per Sara Errani: la tennista italiana è stata squalificata per 10 mesi. È stato infatti accolto l’appello presentato il 31 agosto 2017 da Nado Italia presso il Tas contro la decisione della federazione internazionale di fermare la tennista italiana per due mesi dopo la positività al letrozolo emersa in un test il 16 febbraio 2017. L’ormai noto “doping al tortellino”: la Errani aveva infatti assunto la sostanza per una contaminazione alimentare.

Il Tas ha quindi quintuplicato la pena comminata alla tennista azzurra. La nuova squalifica che viene fatta decorrere dall’8 giugno, scadrà l’8 febbraio 2019, fra 8 mesi (due vennero già scontati l’anno scorso).

Le sentenza è inappellabile, la tennista romagnola non potrà quindi fare altro che stare ferma. Non potrà giocare ad alcun livello. È stata anche confermata la sanzione accessoria della cancellazione dei risultati.

La Errani dovrà inoltre pagare 4000 franchi svizzeri di risarcimento danni a Nado Italia. Proprio l’8 giugno, la Errani si era ritirata dalle semifinali del torneo di Bol, in Croazia.

Quando la Errani fu fermata la prima volta si difese così: “Sono stata sanzionata per ingestione involontaria di cibo contaminato, da una sostanza che non produce effetti migliorativi sulle performance di un’atleta di sesso femminile”.

“Non ho mai assunto sostanze dopanti. Il letrozolo non è uno stimolante. Il letrozolo non è uno steroide anabolizzante. Il letrozolo non migliora le performance. Questo è tutto falso, perché è un inibitore, non una sostanza dopante per le donne”, proseguì.

“La sentenza ITF dice che non c’è evidenza che questa sostanza migliori le prestazioni di tenniste di elite. E invece su questa vicenda si è giocato sulla mia reputazione”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI