Kobe Bryant e l’amore per l’Italia: “Il posto del mio cuore”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 27 Gen. 2020 alle 09:36 Aggiornato il 27 Gen. 2020 alle 09:44
367
Immagine di copertina

Kobe Bryant e l’Italia: il suo amore per il nostro Paese

Ieri, 26 gennaio 2020, Kobe Bryant è morto in un incidente con il suo elicottero, un Sikorsky S-76. La leggenda della NBA (il massimo campionato di basket americano), 41 anni, ha perso la vita nello schianto. Con lui altre 8 persone, tra cui la figlia 13enne, Gianna Maria. Una tragedia che ha colpito tutto il mondo dello sport e non solo. Anche l’Italia, paese a cui il Black Mamba (questo il suo soprannome) era molto legato. Bryant infatti è cresciuto in Italia dove ha vissuto dai 6 ai 13 anni ed ha imparato la lingua che ancora parlava correttamente.

Le città in cui è cresciuto

Nato nel 1978 a Philadelphia Kobe era figlio d’arte, del pivot Joe “Jellybean” Bryant, che oggi ha 65 anni e negli anni Ottanta giocò per ben sette stagioni in Italia per molteplici squadre: Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia, la città preferita del giovanissimo Kobe (diventato in quegli anni tifoso del Milan).

kobe bryant italia

Amore per l’Italia viscerale. Non solo per le bellezze del nostro Paese (Positano, Capri, le Cinque Terre e Portofino) che amava visitare durante le sue vacanze, ma per il fatto che qui da noi aveva imparato a giocare a basket. Il vero amore della sua vita. “Crescere dall’altra parte dell’oceano (in Italia, ndr) mi ha dato un incredibile vantaggio perché avevo imparato i fondamentali. Non come fare il giocoliere ma come muovermi senza palla e usare i blocchi, utilizzare entrambe le mani, passare la palla in maniera efficace”, le sue parole.

“Tutto è cominciato qui… In queste stradine, su un campetto in piastrelle – amava raccontare Kobe -. Andavo avanti e indietro in bici, con il pallone sottobraccio, e sentivo il profumo, i sapori di questa terra, la cultura, la storia. L’architettura. Non riesco a immaginare un posto più lontano dalla Nba. Eppure in Nba ci sono arrivato. L’Italia sarà sempre nel mio cuore”.

kobe bryant italia

I nomi delle figlie

Legame con il nostro Paese, così come quello per lo sport, che Kobe Bryant aveva trasferito anche alle figlie: Natalia Diamante, Bianka Bella e Capri Kobe e Gianna Maria-Onore. Non solo con i nomi, ma anche con la scelta di fargli imparare la nostra lingua.

LEGGI ANCHE:

Le possibili cause dell’incidente

La lettera d’addio al Basket

In ricordo di Kobe: le più grandi giocate della leggenda del basket | VIDEO

367
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.