Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Juan Jesus e il razzismo: “Dobbiamo lottare contro le discriminazioni perché l’unica “razza” che esiste è quella umana”

Immagine di copertina

Il difensore della Roma: "Dobbiamo lottare contro le discriminazioni"

“Dobbiamo sempre lottare per cambiare questo perché l’unica razza che c’è è quella umana”. Queste le parole del difensore della Roma Juan Jesus in un’intervista ai microfoni di Sky Sport in merito al razzismo nel mondo del calcio, ma non solo. “Situazione stabile o vedi segnali di peggioramento? Io credo che è uguale, certo prima di Lincoln e Mandela o quando c’era Martin Luther King era molto peggio ma ancora oggi succedono episodi come è successo qua, in Inghilterra, in Bulgaria. Io in prima persona voglio lottare per combattere tutto questo”.

“Il calcio è una vetrina – ha aggiunto il brasiliano -, tutto il mondo si ferma per guardare le partite quindi se noi possiamo fare qualcosa di più dobbiamo farlo. Ci sono persone che non possono difendersi e noi dobbiamo essere la loro voce”. Anche gesti forti? “Sì, se serve dobbiamo dimostrare con gesti forti perché i cambiamenti nella storia sono avvenuti tutti con gesti forti”.

Jesus ha poi proseguito: “Io quando sono sul campo sono sempre concentrato sul campo ma ho visto che la Federazione ha già preso una posizione forte, anche la Roma che ringrazio, il presidente e Manolo Zubiria che sono stati molto intelligenti a fare il daspo a un ragazzo che ha commesso un errore. Io sono una persona molto tranquilla, però lui deve capire cosa fa perché non è un bambino è un adulto, tutti noi sbagliamo ma bisogna prendersi le proprie responsabilità. Io ho fatto il mio, la Roma ha fatto il suo e ora dobbiamo solo aspettare la giurisdizione per finire tutto questo”.

LE NOTIZIE DI SPORT DI TPI
Ti potrebbe interessare
Sport / Roma Empoli streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Paola Egonu: “Un figlio nero? Vivrebbe lo schifo che ho vissuto io. Perché condannarlo all’infelicità?”
Sport / Juventus Lazio streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Ti potrebbe interessare
Sport / Roma Empoli streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Paola Egonu: “Un figlio nero? Vivrebbe lo schifo che ho vissuto io. Perché condannarlo all’infelicità?”
Sport / Juventus Lazio streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Sport / Roma Cremonese streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Sport / Fiorentina Torino streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Sport / Inter Atalanta streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Sport / Superlega, il Tribunale di Madrid dà torto a Uefa e Fifa: “Non sanzionino i club che partecipano alla nuova competizione”
Sport / “Ho subito tre interventi chirurgici”: Bebe Vio rompe il silenzio sulla sua assenza
Sport / “Illecito grave, ripetuto e prolungato”: le motivazioni della Corte d’Appello Figc per la penalizzazione alla Juventus
Sport / Roma, Zaniolo inseguito e minacciato fin sotto casa dagli ultras: lui chiama la polizia