Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Giro d’Italia 2018, sedicesima tappa: vince Dennis. Yates resta in maglia rosa

Immagine di copertina
Un corridore del Giro d'Italia 2018

Cronometro per specialisti: rischio grandi distacchi

Giro d’Italia 2018 | Sedicesima tappa

La sedicesima tappa del Giro d’Italia 2018 va a Rohan Dennis che chiude in 40 minuti. Secondo Martin a 14”, terzo Dumoulin a 22”.

La notizia del giorno però è che Simon Yates resta in maglia rosa. Bravissimo il britannico a superare lo scoglio della cronometro individuale Trento-Rovereto. Il leader della corsa ha infatti perso “solo” 1 minuto e 15 secondi da Tom Dumoulin, campione del Mondo in carica della cronometro e secondo in classifica generale di questo Giro. Il distacco tra i due ora è di 56 secondi.

Bravo l’italiano Pozzovivo che migliora la propria classifica generale nei confronti di Pinot (quarto): consolidato il terzo posto. Risale in classifica invece Froome.

Alle ore 18 la Giuria ha ufficializzato la decisione di penalizzare per scia Fabio Aru (di 20 secondi), i suoi compagni di squadra Valerio Conti e Diego Ulissi (di 2 minuti). Sanzionati anche altri tre atleti: Pedersen, Cavagna e Hermans (30 secondi).

Domani la diciassettesima tappa: spazio ai velocisti.

Classifica maglia rosa dopo la sedicesima tappa
  1. Simon Yates (Gb) 66h 39’ 14”
  2. Dumoulin (Ola) a 56”
  3. Pozzovivo (Ita) a 3′ 11”
  4. Froome (Gb) a 3′ 50”
  5. Pinot (Fra) a 4′ 19”
  6. Dennis (Aus) a 5′ 04”
  7. Lopez Moreno (Col) 5′ 37”
  8. Bilbao (Spa) a 6′ 02”
  9. Carapaz (Col) a 6′ 07”’
  10. Bennett (Aus) a 7′ 10”

Presentazione tappa

Riposo finito. E’ tempo di tornare in sella. Domani, 22 maggio, i corridori del Giro d’Italia 2018, reduci da un giorno di relax post fatiche dolomitiche, riprenderanno a pedalare: in programma la sedicesima tappa della corsa rosa. Si va da Trento a Rovereto (34,2 chilometri).

Cronometro individuale con inizio e fine cittadini con percorsi abbastanza articolati e complessi e tratto centrale lungo il fiume Adige su strade prevalentemente rettilinee. Insomma, una tappa per specialisti.

Partenza dalla Piazza del Duomo di Trento con alcuni tratti in pavè e con in seguito alcuni ostacoli stradali cittadini come rotatorie e spartitraffico. Seguono lunghi tratti rettilinei con poche curve su strade larghe e ben pavimentate e qualche attraversamento cittadino più ristretto.

Prima del secondo rilevamento cronometri da segnalare una breve salita seguita da un breve discesa con una curva impegnativa prima di un nuovo tratto di strade rettilinee verso l’arrivo.

Ultimi chilometri: superato l’Adige si entra nell’abitato di Rovereto dove diverse curve ad angolo retto con strada ristretta immettono nei vialoni del finale di tappa. Rettilineo finale di 570 metri in asfalto largo 6.5 metri.

Una tappa che l’olandese Tom Dumoulin, vincitore del Giro 2017, potrebbe sfruttare per accorciare sulla maglia rosa Simon Yates, protagonista assoluto della quindicesima tappa. Il tracciato infatti è per specialisti e i distacchi potrebbero essere molto larghi. Basteranno al britannico i due minuti e undici secondi di vantaggio in classifica?

Classifica maglia rosa dopo la quindicesima tappa
  1. Simon Yates (Gb) 65h 57’ 37”
  2. Dumoulin (Ola) a 2′ 11”
  3. Pozzovivo (Ita) a 2′ 28”
  4. Pinot (Fra) a 2′ 37”
  5. Lopez Moreno (Col) 4′ 27”
  6. Carapaz (Ecu) a 4′ 47”
  7. Froome (Gb) a 4′ 52”
  8. Bennett (Aus) a 5′ 34”
  9. Bilbao (Spa) a 5′ 59”
  10. Konrad (Aus) a 6′ 13”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI