Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Giro d’Italia 2021, sedicesima tappa: la perla delle Dolomiti incorona Egan Bernal signore del Giro

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Il colombiano Egan Bernal (Ineos Grenadiers) ha vinto la sedicesima tappa del 104° Giro d’Italia, il rabberciato tappone dolomitico da Sacile a Cortina d’Ampezzo. Il vincitore del Tour de France 2019 ha preceduto sul traguardo di 27″ il duo formato dal redivivo francese Romain Bardet (Team DSM) e dal siciliano Damiano Caruso (Bahrain Victorious). La classifica generale assume connotati sempre più definiti con Bernal che aumenta il suo vantaggio su Caruso, salito al 2° posto in classifica, a 2′ 24″ con Hugh Carthy (EF Education Nippo) terzo a 3’40”.

La giornata è iniziata con la decisione di accorciare di 59 km la tappa. Il taglio ha implicato la rinuncia a scalare il Fedaia ed il Pordoi trasformando il Passo Giau nella Cima Coppi di questa edizione del Giro d’Italia. Dopo 40 km di gara, nella discesa del GPM della Crosetta, andavano via in sei: Vincenzo Nibali e Amanuel Ghebreigzabhier (Trek Segafredo), Antonio Pedrero (Team Movistar), Davide Formolo (UAE Emirates), Gorka Izaggirre (Astana Premier Tech) e Joao Almeida (Deceuninck Quick Step). Questo sestetto guadagnava un vantaggio massimo di 4’40” sulla maglia rosa a 50km dal traguardo. In mezzo tra questi due estremi, un gruppo di 18 contrattaccanti cercava di ricucire sui battistrada.

Poco prima dell’inizio della salita del Passo Giau, la EF imponeva una drastica accelerazione alla corsa che causava il graduale e disperato recupero dei fuggitivi lungo i tornanti del Giau. A due terzi dell’ascesa Bernal rompeva gli indugi sgretolando il gruppo. Andavano in crisi Simon Yates (BikeExchange) ed Aleksandr Vlasov (Astana Premier Tech) mentre riuscivano a limitare i danni Bardet e Caruso che scollinavano con un minuto di ritardo sulla maglia rosa. Nella discesa finale, i due inseguitori riuscivano a dimezzare il vantaggio ma poco importava. Egan Bernal si concedeva un arrivo trionfale con tanto di svestizione della mantellina sul pavè bagnato. Il trionfo di un campione che sa che domenica prossima a Milano sarà inciso il suo nome sul Trofeo Senza Fine.

Domani è previsto il secondo giorno di riposo in Val di Fassa. Mercoledì è in programma la 17ma tappa: 193 km da Canazei all’inedito traguardo in salita di Sega di Ala. Sarà sazio Re Egan o assisteremo ad un suo terzo assolo?

LE TAPPE DEL GIRO D’ITALIA 2021

Ti potrebbe interessare
Sport / Milan Liverpool streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Sport / Real Madrid Inter streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Cronaca / Sampdoria, arrestato il presidente Massimo Ferrero: il club non è coinvolto
Ti potrebbe interessare
Sport / Milan Liverpool streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Sport / Real Madrid Inter streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Cronaca / Sampdoria, arrestato il presidente Massimo Ferrero: il club non è coinvolto
Sport / Venezia Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Sport / Juventus Genoa streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Napoli Empoli streaming e diretta tv: dove vederla
Sport / Napoli Atalanta streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Inter Cagliari streaming e diretta tv: dove vederla
Sport / Roma Spezia streaming e diretta tv: dove vederla
Sport / Roma Inter streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A