Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Ayrton Senna: 25 anni fa moriva a Imola una leggenda della Formula 1 | VIDEO

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 30 Apr. 2019 alle 10:26
0

AYRTON SENNA CHI È – Venticinque anni fa moriva Ayrton Senna, pilota di Formula 1 e tre volte campione del mondo nel 1988, 1990 e 1991: soprannominato “Magic“, è considerato uno dei più forti di tutti i tempi.

Senna era nato a San Paolo, Brasile, il 21 marzo 1960 da una famiglia benestante. A 17 anni vinse il suo primo campionato internazionale, poi nel 1983 gareggiò in F3 nel campionato britannico e nel 1984 entrò in Formula 1 con la Toleman.

Nel 1988 l’ingresso in McLaren-Honda con cui conquistò il campionato piloti con 90 punti. Nel 1991 vinse il suo primo Gran Premio in Brasile e in quello stesso anno diventò campione del mondo per la terza volta.

Nel 1994, il pilota brasiliano, nonostante i grandi successi con la McLaren, decise di passare alla Williams: una scelta che gli risultò fatale. Il primo maggio del 1994 Senna trovò la morte a 34 anni durante il Gran Premio di San Marino di Formula 1 che si correva sul circuito di Imola.

L’incidente mortale si verificò alla curva del Tamburello, un impressionante schianto in diretta tv. Nonostante i tentativi di insabbiamento, venne fuori la terribile verità: Senna morì per la rottura del piantone dello sterzo della sua Williams.

Dalle indagini emerse che i tecnici della scuderia britannica avevano tagliato e risaldato il piantone dello sterzo per migliorarne l’inclinazione e migliorare la posizione di guida di Senna.

Una giuntura però che, a causa delle sollecitazioni delle curve di Imola, non riuscì a reggere gli sforzi portando la macchina di Senna allo schianto contro il muro senza possibilità di curvare.

Dopo il trasporto d’urgenza all’ospedale di Bologna, alle 18.40 arrivò l’annuncio dei medici in diretta televisiva: “Alle 18:40 il cuore di Senna ha smesso di battere”.

Senna tornò nel suo amato paese d’origine da cadavere: i funerali si tennero a San Paolo il 5 maggio 1994. Per l’occasione furono proclamati tre giorni di lutto nazionale.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.