Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Condanne in Catalogna, il Barcellona si schiera contro la sentenza. Guardiola durissimo: “Deriva autoritaria in Spagna”

Immagine di copertina

"Attacco diretto ai diritti umani"

Condanne indipendentisti in Catalogna, le reazioni del Barcellona e Guardiola

Ieri, 14 ottobre 2019, la corte suprema spagnola ha condannato i 12 leader dell’indipendenza catalana con pene che vanno dai 9 ai 13 anni. Una notizia che ha creato diverse proteste e che ha fatto scendere in campo anche il mondo dello sport catalanto. In primis il Barcellona. Il club ha infatti diffuso un comunicato ufficiale in cui si schiera contro la sentenza della corte.

“Il Barcellona, in quanto entità di riferimento della Catalogna, e secondo il suo percorso storico della difesa della libertà di espressione, afferma che la detenzione preventiva non ha aiutato a risolvere il conflitto in nessun modo, perché la prigione non è la soluzione – la nota della società -. La risoluzione del conflitto che sta vivendo la Catalogna va affrontato attraverso il dialogo politico. Pertanto, ora più che mai, il Club chiede a tutti i responsabili politici di condurre un processo di dialogo e negoziazione per risolvere questo conflitto, che dovrebbe anche consentire il rilascio di leader civili e dei politici condannati. L’ FC Barcelona esprime anche il suo pieno sostegno e la sua solidarietà alle famiglie di coloro che sono privati della libertà”.

Un comunicato molto apprezzato dai giocatori catalani. Piqué si è detto “orgoglioso” del suo club, Sergi Roberto ha offerto “tutto il suo supporto alla causa catalana”. Stesso discorso per Xavi, ex leader del Barcellona e oggi allenatore dell’Al-Sadd, che ha commentato attraverso Instagram: “Vergogna!”.

In serata è poi stato il turno del grande ex, Pep Guardiola. L’attuale allenatore del Manchester City ha detto la sua attraverso un video: “Oggi è stata resa pubblica dallo Stato spagnolo una sentenza del tribunale equivalente a un attacco diretto ai diritti umani. Il diritto di manifestare, il diritto alla libertà di espressione. È inaccettabile nel ventunesimo secolo”.

Poi ancora: “La Spagna sta vivendo una deriva autoritaria attraverso la quale si utilizza la legge antiterrorista per criminalizzare la dissidenza, incluso perseguire chi esercita la libertà di espressione. I leader condannati rappresentano i partiti maggioritari e gli organi della società civile più importanti della Catalogna. Né il governo di Pedro Sanchez, né nessun governo spagnolo può permettersi una cosa del genere – ha detto Guardiola sulle condanne degli indipendentisti in Catalogna -. Ha optato per la repressione senza dialogo. L’indipendentismo è un movimento trasversale, inclusivo e con una grande storia, basato sulla volontà di autogoverno dei catalani. Non è xenofobo, ma è un movimento che basa la sua forza sul riconoscimento del pluralismo e le diversità culturali. Una lotta non violenta”.

Infine una richiesta: “Chiediamo al governo spagnolo una soluzione politica e democratica. Ciò che chiediamo è “Spagna, siediti e ne parliamo”. Chiediamo alla società civile internazionale che metta pressione al suo governo per intervenire in questo conflitto, trovando soluzioni politiche e democratiche. Il tutto basato sul dialogo e il rispetto. Perché c’è solo una soluzione, sedersi e parlare”.

Ti potrebbe interessare
Sport / Tour de France 2024, 19esima tappa: voilà Tadej, Le Roi
Sport / Tour de France, 18esima tappa: Campenaerts si aggiudica l’ultimo scampolo di libertà
Sport / Tour de France 2024, 17esima tappa: El Diablito completa il tris, Remco vede il secondo posto
Ti potrebbe interessare
Sport / Tour de France 2024, 19esima tappa: voilà Tadej, Le Roi
Sport / Tour de France, 18esima tappa: Campenaerts si aggiudica l’ultimo scampolo di libertà
Sport / Tour de France 2024, 17esima tappa: El Diablito completa il tris, Remco vede il secondo posto
Calcio / Il Comune di Udine nega il patrocinio alla partita Italia-Israele: “Sarebbe divisivo”
Sport / Tour de France 2024, 16esima tappa: Philipsen pareggia il conto e riapre la lotta per la maglia verde
Sport / Malagò a TPI: “Bochicchio? Era un incantatore di serpenti e io non sono stato un serpente”
Sport / Malagò a TPI: “Tregua olimpica? La speranza è l’ultima a morire ma finora i leader mondiali non hanno cavato un ragno dal buco”
Sport / Malagò a TPI: “Solo in Italia costruire stadi è un calvario. Gualtieri? È serio, oggi è percepito meglio di prima”
Sport / Malagò a TPI: “Soldi a un senatore da uno Stato straniero? Io non lo farei”
Sport / Malagò a TPI: “Ai Giochi di Parigi per fare ancora meglio di Tokyo. I ritardi di Milano-Cortina? Non dipendono dal Coni ma dalla politica. All’Italia serve lo Ius soli sportivo”