Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » TV

L’incidente di Nek: “Così ho rischiato di morire dissanguato”

Immagine di copertina

Filippo Neviani, in arte Nek, ha raccontato a Verissimo per la prima volta del dramma che lo ha colpito lo scorso novembre. Un grave incidente che rischiava di avere conseguenze irreparabili. ”Mi sono tagliato la mano con una sega circolare in un momento di distrazione. Tutte le dita sono rimaste danneggiate ma, in particolare, l’anulare è quasi saltato via e il dito medio per metà, ma – prosegue – dopo oltre undici ore d’intervento sono riusciti a salvarmi la mano”.

Ospite di Silvia Toffanin, il cantante ha svelato i drammatici momenti vissuti pochi mesi fa: ”Se fossi rimasto più del dovuto nella mia casa in campagna, in attesa dei soccorsi, nel peggiore dei casi sarei morto dissanguato, nei migliori avrei perso i sensi. Invece, ho avuto il sangue freddo di prendere l’auto e di guidare fino al Pronto Soccorso di Sassuolo”.

Ora l’artista sta affrontando un lungo percorso di riabilitazione: ”Mi sento come un bambino, perché riprendo un po’ di mobilità della mano ogni giorno. Ho ancora dei momenti di sconforto, soprattutto alla mattina, perché rimettere in moto la mano è molto fastidioso e poi, per me che non ho pazienza, è una prova ancora più dura”. Un percorso non facile, ma reso meno duro dall’affetto e grazie all’aiuto dei suoi cari: ”Se non avessi avuto vicino la mia famiglia sarei caduto in depressione, sarebbe stato tutto più complicato”. Infine, ripensando al senso di quanto gli è accaduto, Nek dichiara: ”Questo incidente mi ha insegnato a valorizzare ogni singolo giorno come se fosse il primo”.

Leggi anche: 1. Anche dopo il caso Briatore, al Twiga di Daniela Santanchè si balla ancora assembrati e senza mascherine. C’è pure Nek che canta per la folla / 2. Nek si scusa dopo l’esibizione al Twiga: “Ho sbagliato a cantare. Ho commesso una leggerezza”

Ti potrebbe interessare
TV / Ascolti tv sabato 24 febbraio: Tale e Quale Sanremo, C’è posta per te, Cattivissimo me 2
TV / Messa in tv domenica 25 febbraio 2024, dove vedere su Rai 1 e Canale 5: orari, luogo, streaming
TV / Tale e Quale Sanremo, vince Alessandro Greco: ecco la classifica della puntata del 24 febbraio
Ti potrebbe interessare
TV / Ascolti tv sabato 24 febbraio: Tale e Quale Sanremo, C’è posta per te, Cattivissimo me 2
TV / Messa in tv domenica 25 febbraio 2024, dove vedere su Rai 1 e Canale 5: orari, luogo, streaming
TV / Tale e Quale Sanremo, vince Alessandro Greco: ecco la classifica della puntata del 24 febbraio
TV / Il Provinciale – Il racconto dei racconti: le anticipazioni del programma su Rai 3, 24 febbraio
TV / Tale e Quale Sanremo 2024 streaming e diretta tv: dove vedere lo show
TV / Cattivissimo me 2: tutto quello che c’è da sapere sul film d’animazione
TV / Una voce per San Marino 2024 streaming e diretta tv: dove vedere lo show per l’Eurovision
TV / Tale e Quale Sanremo 2024: anticipazioni e imitazioni della seconda puntata
TV / C’è Posta per Te 2024: anticipazioni e ospiti della sesta puntata, 24 febbraio
TV / Io sto con gli ippopotami: tutto quello che c’è da sapere sul film