Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Massimo Giletti contro Barbara d’Urso: “Basta distorcere la realtà della camorra in tv”

Il noto conduttore si scaglia contro la d'Urso e il suo modo di fare tv: "Inaccettabile"

Di Antonio Scali
Pubblicato il 14 Nov. 2019 alle 18:22 Aggiornato il 14 Nov. 2019 alle 18:29
371
Immagine di copertina

Massimo Giletti contro Barbara d’Urso: “Inaccettabile, siamo sicuri sia sotto testata giornalistica?”

In una lunga intervista Massimo Giletti lancia nuove pesanti accuse contro Barbara d’Urso e il suo modo di fare tv. Una troupe della sua trasmissione su La7 Non è l’Arena è stata aggredita a Napoli mentre cercava di intervistare Tony Colombo.

Il matrimonio tra il cantante neomelodico e Tina Rispoli, vedova del boss Gaetano Marino, ha suscitato numerose polemiche. A dar loro ulteriore visibilità è stata anche Barbara d’Urso, che nel corso nel suo programma in prima serata su Canale 5 ha più volte ospitato i due.

Un’inchiesta di Fanpage e della trasmissione di Giletti stanno cercando di portare a galla gli eventuali rapporti tra la musica neomelodica e la camorra. “Mi ha sorpreso l’uso che ne ha fatto il piccolo schermo. La distorsione della realtà che passa attraverso l’uso forzato del mezzo televisivo. Chi era Tony Colombo prima di andare in televisione? Nel momento in cui gli dai spazio non puoi non renderti conto dell’effetto della continuità della presenza di chi non deve stare in televisione e non deve diventare personaggio”, dichiara Giletti a Il Fatto Quotidiano.

“Quando tu accetti di far dire alla Rispoli ‘siete voi che dite che sono legata alla camorra’ non va bene, sono i fatti che parlano di una situazione che stride con la descrizione che fa Barbara (D’Urso, ndr) della principessa con la coroncina. La distorsione della realtà passa attraverso anche tutto questo e noi non possiamo accettarlo”, aggiunge il conduttore.

Giletti attacca pesantemente il modo di fare televisione di Barbara d’Urso, cosa che tra l’altro aveva già fatto nelle scorse settimane commentando lo stile con cui era stato trattato il caso Prati. “Mi chiedo ma siamo sicuri che sia sotto testata giornalistica? Quel modo di fare televisione si può nascondere dietro la dicitura testata giornalistica? Davvero essere giornalisti vuol dire avere un patentino o una sigla? Se è così io qualche domanda inizio a pormela perché per me essere giornalisti è tutt’altra cosa”.

Nel corso dell’intervista a Il Fatto, Giletti risponde anche a un’altra questione. Secondo varie voci, proprio la d’Urso avrebbe ostacolato in passato un passaggio del conduttore a Mediaset. “Lo dicono in molti, io ho sempre pensato che se l’editore si lascia imporre le regole del gioco da un conduttore non fa il suo lavoro. Ho dialogato con Mediaset poi non si è andati oltre, bisognerebbe chiedere a loro il perché”, spiega Giletti.

Giletti intervista Salvini, bufera per la frase del conduttore: “È la prova che sei il suo schiavo”

Camorra Entertainment, la verità dietro il matrimonio del neomelodico Tony Colombo e Tina Rispoli

371
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.