Manuel Bortuzzo a Che tempo che fa: “Sono vivo per 12 millimetri. Potrei tornare a camminare”

Il nuotatore da Fazio ha parlato della riabilitazione che sta affrontando per sperare di poter camminare di nuovo

Di Antonio Scali
Pubblicato il 4 Nov. 2019 alle 13:20 Aggiornato il 4 Nov. 2019 alle 16:21
175
Immagine di copertina

Manuel Bortuzzo: “Sono vivo per 12 millimetri. Potrei tornare a camminare”

Torna in tv Manuel Bortuzzo e lo fa nella trasmissione di Fabio Fazio Che tempo che fa, in onda ogni domenica su Rai 2. A tutte le persone che lo stimano e fanno il tifo per lui, dopo che il giovane è rimasto gravemente ferito nel corso di una sparatoria, il nuotatore rivela: “La lesione midollare non era completa”, per cui grazie alla tenacia che lo ha contraddistinto sin da subito, c’è una possibilità che possa tornare a camminare.

“Questa è una notizia pazzesca, sì, che in questi nove mesi ho voluto tenere per me. Quando si tratta di questioni mediche, su cui non si è sicuri, è sempre meglio andarci cauti. In questo libro ho però voluto annotare tutti i miei progressi. Mi ero dato 10 anni per tornare a camminare. Se ce la posso fare? Questo è quello che sto facendo, niente di più niente di meno”, ha raccontato Bortuzzo presentando il suo libro dal titolo Rinascere.

Giovane promessa del nuoto, per Manuel tutto è cambiato lo scorso 3 febbraio, quando, scambiato per un’altra persona, è stato colpito a Roma da colpi di arma da fuoco mentre si trovava davanti a una tabaccheria con la fidanzata.

Pochi giorni fa gli autori della sparatoria, Daniel Bazzano e Lorenzo Marinelli, sono stati condannati a 16 anni di carcere al termine del rito abbreviato.

Nel corso dell’intervista di ieri a Che tempo che fa su Rai 2, Manuel Bortuzzo ha inoltre svelato: “Se il proiettile avesse colpito 12 millimetri più in basso, avrebbe colpito l’aorta addominale e avrei avuto 90 secondi di vita. Per 12 millimetri sono qua. Rileggendo questo libro mi sono accorto che non sono cambiato, sono rimasto quello che ero prima. La prima volta in cui sono tornato in piscina è stato molto forte. Era quella la mia paura più grande”.

“La prima cosa che ho visto al mio risveglio è stato il viso di mia madre, rivederlo mi ha dato tanta forza e tanta sicurezza e mi ha fatto capire che era veramente tutto finito”, ha aggiunto Bortuzzo nello studio di Fabio Fazio, suscitando la commozione e gli applausi del pubblico.

Il commento di Manuel Bortuzzo alla sentenza di condanna dei suoi aggressori: “Questo non mi restituirà le gambe”

Il messaggio di Manuel Bortuzzo per Luca Sacchi: “La vita con me è stata bastarda, con te non ha avuto pietà”

175
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.