Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ragazzo ucciso a Roma, il messaggio di Manuel Bortuzzo per Luca Sacchi: “La vita con me è stata bastarda, con te non ha avuto pietà”

Immagine di copertina
Manuel Bortuzzo e Luca Sacchi

Due storie simili, ma con diverso esito

Il messaggio di Manuel Bortuzzo a Luca Sacchi, il ragazzo ucciso a Roma

La vicenda del ragazzo di 24 anni ucciso a Roma con un colpo di pistola alla testa mentre tentava di scongiurare una rapina, ricorda il grave ferimento di cui è stato vittima nel febbraio scorso il nuotatore Manuel Bortuzzo. Una situazione simile, perché Luca Sacchi, la vittima dell’Appio Latino, era come Manuel in compagnia della fidanzata, in una serata che doveva essere tranquilla, ma diverso era il contesto. Così il nuotatore oggi, 25 ottobre ha scritto un messaggio: “La vita con me è stata bastarda, con te non ha avuto pietà”.

Luca è morto in una rapina o in uno scambio di droga, le indagini stanno cercando di chiarire i contorni della vicenda, Manuel, invece, si sarebbe trovato, per errore, in una guerra tra bande, davanti ad un pub nel quartiere Axa, quadrante sud della Capitale. Luca è morto, Manuel ha perso le gambe.

“Non ho mai sentito un episodio così vicino a me. Ma se nel mio caso la vita è stata bastarda, con te non ha avuto proprio pietà”, ha scritto Manuel su Instagram.

“Riposa in pace Luca – ha continuato Bortuzzo sui social -. Non ho più parole per descrivere quello che sto provando in questo momento. Mi stringo vicino ai tuoi familiari”. Un dolore intenso che si amplifica nel ricordo di quello che ha vissuto e che si confronta con quello che sarebbe potuto succedere anche a lui.

Contro di lui, come ha stabilito la recente sentenza, si è scatenato un raid di morte premeditato. Un’azione messa in atto con l’intenzione di uccidere. Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, gli autori del raid avvenuto la notte tra il 2 e il 3 febbraio scorso, sono stati condannati a 16 anni di carcere.

L’atleta venne centrato da un proiettile sparato da Marinelli mentre era a bordo di un motorino con Bazzano. Lo sparo ha raggiunto Bortuzzo, che si trovava ad un distributore di sigarette con la fidanzata, alla schiena causandogli la paralisi delle gambe e mettendo la parola fine ad un futuro da protagonista nel nuoto azzurro.

Manuel Bortuzzo: “La sentenza non mi restituirà le gambe”

Ragazzo ucciso a Roma, spunta la pista della droga: due 21enni fermati

Ti potrebbe interessare
Costume / Cannabis gratis a domicilio: il rider che la distribuisce a chi ha un reddito basso
Cronaca / Milano, 12enne violentata e minacciata da un 20enne conosciuto su Instagram
Cronaca / Riccione, preside vieta i tacchi a scuola: “Troppe cadute, vogliamo tutelarci”
Ti potrebbe interessare
Costume / Cannabis gratis a domicilio: il rider che la distribuisce a chi ha un reddito basso
Cronaca / Milano, 12enne violentata e minacciata da un 20enne conosciuto su Instagram
Cronaca / Riccione, preside vieta i tacchi a scuola: “Troppe cadute, vogliamo tutelarci”
Cronaca / Il calendario della riaperture delle spiagge, regione per regione
Cronaca / Crisi, nel 2020 in Italia 96mila madri hanno perso il lavoro
Cronaca / Napoli, donna di 33 anni uccisa a coltellate e data alle fiamme: fermato un uomo
Cronaca / Omofobia, parlano i leghisti citati da Fedez al Concertone (e non ritrattano)
Cronaca / Fano, studente rifiuta la mascherina e si incatena al banco per protesta: scatta il Tso
Cronaca / "Dopo quella notte era sconvolta": parla un amico della ragazza che ha denunciato Ciro Grillo e i suoi amici
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 7 maggio 2021