Benvenuti al Nord, la trama e il finale del film

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 19 Mar. 2020 alle 17:35
0
Immagine di copertina

Benvenuti al Nord, la trama e il finale del film

Benvenuti al Nord è il sequel di Benvenuti al Sud, film che a sua volta è un remake della pellicola francese del 2008 intitolata Giù al Nord. Benvenuti al Nord, diretto da Luca Miniero, vede tra i protagonisti Claudio Bisio e Alessandro Siani che interpretano rispettivamente Alberto e Mattia, due uomini diversi con abitudini e tradizioni diverse che però si ritrovano a vivere la stessa disavventura. Mentre Benvenuti al Sud è arrivato in sala nel 2010, Benvenuti al Nord è arrivato qualche anno dopo. Vediamo qual è la trama e come finisce il film.

Tutto su Benvenuti al Nord: trama, cast, streaming

Benvenuti al Nord, la trama del film

Siamo a due anni di distanza dal primo film. Alberto e Mattia sono tornati alle proprie vite. Alberto vive di nuovo a Milano e lavora come direttore di un ufficio postale, cercando di accontentare sia il capo che la moglie. Il secondo abita ancora al Sud, in casa con mamma e moglie, e fa ancora il postino a Castellabate. Accade però l’irreparabile: Maria, la moglie, non va d’accordo con la suocera e a un certo punto non ce la fa più e accusa Mattia di essere troppo immaturo per mantenere la sua famiglia, così lo lascia. Mattia cerca in tutti i modi di riguadagnare la sua fiducia, legandosi a un cassonetto della spazzatura come pegno d’amore e valutando persino l’ipotesi del suicidio. Poi la trovata: fingere di essere trasferito al Nord, a Pordenone, per lavoro. A causa dei colleghi, Mattia viene realmente trasferito al Nord e finisce nell’ufficio postale di Milano con Alberto, che si offre subito di ospitarlo.

Purtroppo, però anche Alberto sta vivendo un brutto periodo con la moglie Silvia, è sempre oberato di lavoro e non riesce a godersi la compagnia della sua famiglia. Il dottor Palmisan ha messo in piedi un nuovo metodo di lavoro che ha mandato in crisi il matrimonio di Alberto. Silvia, esasperata, allora lo lascia e Alberto e Mattia si trovano a vivere da soli senza le proprie famiglie.

Benvenuti al Nord, come finisce il film

La lontananza, si sa, a volte aiuta. Alberto impara il valore del tempo trascorso con la famiglia, Mattia invece impara a non fuggire dalle proprie responsabilità e accetta di maturare, apprezzando persino la vita al Nord. Nel frattempo, i parenti di Mattia e Maria in primis arrivano nel milanese perché nessuno crede che Mattia sia realmente cambiato, credono che stia fingendo, arrivano proprio quando Palmisan chiama Mattia per lodarlo della sua dedizione al lavoro. Quella conferenza stampa, in realtà un disastro, è stata utile per far riconciliare le due famiglie spezzate. Per un malinteso, pare che Alberto e Mattia perderanno il lavoro ma, per la testimonianza del pubblico, invece sarà Palmisan a essere licenziato. Alberto avrà la possibilità di realizzare qualsiasi richiesta e, diventato direttore generale, può far tornare Mattia alla sua Castellabate. Anche Maria è stata promossa a direttrice d’ufficio del paesino, in modo da avere uno stipendio più alto. Mattia si apre anche un mutuo e acquista una casa per lui, la moglie  e il figlio, lontano da mammà.

Benvenuti al Nord va in onda giovedì 19 marzo 2020 alle ore 21:25 su Canale 5. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.