Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Fumata bianca al Piccolo Teatro di Milano: il nuovo direttore è Claudio Longhi

Immagine di copertina
Claudio Longhi, nato a Bologna nel 1966 è il nuovo direttore del Piccolo (foto: ANSA/Premio Riccione per il Teatro)

L'impasse legata ai veti incrociati si è risolta grazie all'allargamento del CdA voluto da Beppe Sala, superando così l'opposizione dei rappresentanti della Regione. L'assessore lombardo Galli: "Auguri a tutti, ma non al Sindaco: ha sbagliato"

Piccolo Teatro di Milano: il nuovo direttore è Claudio Longhi

Si chiude la lunga disputa legata alla nomina del successore di Sergio Escobar: il CdA del Piccolo Teatro di Milano ha scelto Claudio Longhi, bolognese classe ’66 che arriva dalla direzione di ERT (Emilia Romagna Teatri). Proprio per senso di responsabilità nei confronti dell’ente emiliano, messo a dura prova dal Covid-19 come tutti i teatri, lo scorso luglio Longhi aveva declinato la prima proposta di assumere la guida del Teatro che fu di Paolo Grassi e Giorgio Strehler.

Nella tornata decisiva, sul suo nome c’è stato un nuovo scontro interno al CdA del Piccolo, con l’opposizione dei rappresentanti della Regione Lombardia: Angelo Crespi si è astenuto, mentre Emanuela Carcano ha votato contro. E’ stato quindi decisivo il voto dei due nuovi membri del CdA, fortemente voluti dal Comune di Milano proprio per superare l’impasse legato all’ostruzionismo della Lega in questo passaggio: l’ex ministro Lorenzo Ornaghi e la presidente di TeatriXMilano Mimma Guastoni hanno sostenuto l’ex allievo di Luca Ronconi.

Critico il commento di Stefano Bruno Galli, assessore alla Cultura di Regione Lombardia, che in una intervista a Repubblica respinge le accuse di ostruzionismo (“abbiamo fatto saltare solo due CdA”) e rivolge “auguri a tutti, ma non a Sala. Ha sbagliato”.

Ti potrebbe interessare
TV / La fabbrica del mondo: Marco Paolini su Rai 3, le anticipazioni e gli ospiti
TV / Tali e Quali 2022: anticipazioni, concorrenti e ospiti della terza puntata, 22 gennaio
TV / C’è Posta per Te 2022 streaming e diretta tv: dove vedere puntata, 22 gennaio
Ti potrebbe interessare
TV / La fabbrica del mondo: Marco Paolini su Rai 3, le anticipazioni e gli ospiti
TV / Tali e Quali 2022: anticipazioni, concorrenti e ospiti della terza puntata, 22 gennaio
TV / C’è Posta per Te 2022 streaming e diretta tv: dove vedere puntata, 22 gennaio
TV / C’è Posta per Te 2022: anticipazioni e ospiti della terza puntata, 22 gennaio
TV / Tali e Quali 2022 streaming e diretta tv: dove vedere lo show
TV / Cattivissimo me 2: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Storia di una ladra di libri: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Verissimo, gli ospiti e le anticipazioni della puntata in onda sabato 22 gennaio 2022
TV / Ascolti tv venerdì 21 gennaio: The Voice Senior, Grande Fratello Vip, Mechanic: Resurrection
TV / Grande Fratello Vip 2021-2022, nomination: i concorrenti nominati oggi, 21 gennaio