Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

Mahmood all’Eurovision, le domande assurde dei giornalisti: “Ghetto? Ramandan?”

Immagine di copertina
Mahmood alla conferenza stampa Eurovision 2019

Mahmood Eurovision 2019 conferenza stampa | Domande scontate, approssimative e piene di luoghi comuni: le domande fatte a Mahmood nel corso della conferenza stampa dell’Eurovision Song Contest lasciano basiti.

“Sono italiano al 100 per cento”: mesi a ribadirlo sui media nostrani non hanno risparmiato il vincitore di Sanremo dal doversi confrontare con l’ennesime insinuazioni sulle sue origini culturali e religiose.

Un inglese talvolta zoppicante che lo rende sincero e simpatico agli occhi della stampa e un sorriso che riesce ad appianare qualsiasi focolaio di polemica, Mahmood si sta dimostrando anche in questo frangente all’altezza della situazione.

Eurovision Song Contest 2019 Mahmood

La tua canzone parla di un difficile rapporto padre/figlio, pensi alla paternità? Che padre sarai? Che squadra tifi? Canti di un musulmano che beve champagne durante il Ramadan, come vivi questo periodo dell’anno? Vivi davvero in un ghetto?

Tra applausi, cioccolato e dichiarazioni d’amore Mahmood riesce a dribblare queste domande riaffermando dove necessario non solo il suo essere italiano ma anche cristiano e focalizzato sul suo lavoro.

Non c’è calcio da seguire o commenti politici da fare: solo tanta voglia di cantare e fare musica nel miglior modo possibile, senza nessuna aspettativa ma con tanta grinta e determinazione.

La sua canzone preferita in questo Eurovision? “Roi” del francese Bilal Hassani, giovane cantante di origine marocchina, enfant prodige e icona LGBT tra gli adolescenti del suo paese.

“Lasciatemi cantare/ perché ne sono fiero/ sono un italiano/ un italiano vero” (cit.).

Eurovision Song Contest 2019, tutto quello che c’è da sapere sul Festival musicale internazionale

Chi è Mahmood: tutto quello che c’è da sapere sul vincitore del Festival di Sanremo 2019

Flowers festival 2019, da Ezio Bosso a Joan Baez: 20 giorni di concerti a Torino

Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”