Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

“Keith Flint era depresso per la rottura con la moglie e la vendita della casa”

Immagine di copertina
Keith Flint

La notizie è stata riportata dal quotidiano britannico The Sun

Lunedì 4 marzo 2019 il cantante dei The Prodigy Keith Flint è stato trovato morto nella sua casa di Dunmow, nella conte di Essex.

Il frontman della famosa band aveva 49 anni. La notizia ha sconvolto i fan e il mondo della musica.

Sono stati proprio i The Prodigy, sul loro account Instagram, a rivelare che si è trattato di un suicidio. “La notizia è vera – ha scritto Liam Howlett, uno dei membri del gruppo – e non possiamo credere che lo stiamo annunciando davvero, ma nostro fratello Keith si è suicidato questo weekend. Siamo sconvolti e fott******** arrabbiati, confusi e col cuore spezzato. Riposa in pace fratello”.

Finora, però, non erano ancora emerse le ragioni che hanno spinto Flint a togliersi la vita. Ragioni che, secondo quanto scrive il quotidiano britannico The Sun, sarebbero da rintracciare nella rottura tra il cantante e la moglie giapponese Mayumi Kai.

LEGGI ANCHE: La carriera di Keith Flint, frontman dei Prodigy

Era stata proprio la relazione con la moglie, infatti, a far uscire il cantante dei Prodigy dal tunnel dell’alcol e degli stupefacenti. Ma, appunto, la crisi coniugale avrebbe gettato nuovamente Flint nella depressione, spingendolo a ricadere nei vecchi vizi.

Sarebbe stata proprio la moglie, inoltre, a chiedere a Flint di mettere in vendita la casa nella contea di Essex, proprio quella dove il cantante è stato trovato morto.

Un luogo molto caro al frontman dei Prodigy, che vi si era rifugiato negli ultimi anni per trascorrere una vita ritirata.

Una circostanza ulteriore che avrebbe contribuito a gettare Flint nella prostrazione e a spingerlo al suicidio.

I Prodigy sono stati un gruppo simbolo della musica elettronica, mischiando all’interno del genere anche punk e rock e creando un sottogenere che li ha resi famosi in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: La storia dietro la nascita di Firestarter, il più grande successo dei Prodigy

LEGGI ANCHE: The Prodigy, le cinque canzoni più belle e famose del gruppo
Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”