Me

Fiorella Mannoia, tutto quello che c’è da sapere sulla cantante italiana

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 19 Feb. 2019 alle 07:01 Aggiornato il 27 Feb. 2019 alle 15:17
Immagine di copertina

FIORELLA MANNOIA CARRIERA – Fiorella Mannoia è una cantante italiana nota per la sua voce graffiante. La sua carriera è partita nel 1968 e da allora ha collezionato diversi riconoscimenti – come il Telegatto di TV Sorrisi e Canzoni e il Premio della Critica al Festival di Sanremo – e ha coltivato anche la sua presenza nel mondo del cinema.

Sapevate che la Mannoia è stata nominata Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2005? O che, nel 2006, ha vinto il Premio simpatia: l’Oscar capitolino per la solidarietà?

Scopriamo chi è Fiorella Mannoia, nella vita pubblica e privata.

Fiorella Mannoia Carriera | Vita Privata

Romana d’origine, Fiorella è nata il 4 aprile 1954. Figlia del cascatore Luigi Mannoia, anche Fiorella – come suo fratello e sua sorella – ha intrapreso la carriera di stuntwoman (controfigura) per poi dirottare verso la musica.

La cantante è sempre stata molto riservata circa la sua vita privata. Negli anni ’70 ha avuto una relazione con il cantautore (e produttore) Memmo Foresi.

In seguito, è stata legata sentimentalmente a Piero Fabrizi per vent’anni.

Dal 2007, Fiorella Mannoia ha reso nota la sua relazione con Carlo di Francesco (di 26 anni più giovane) tramite un post social.

Fiorella Mannoia Carriera | Discografia

Al 2019, Fiorella Mannoia conta la pubblicazione di 17 album in studio, 5 dal vivo e 22 raccolte.

La sua prima esperienza lavorativa è stata in qualità di controfigura, seguendo l’esempio paterno. Fiorella Mannoia è stata la controfigura di Lucia Mannucci nel film “Non cantare, spara” (1968), di Monica Vitti e di Candice Bergen. Ha recitato anche in alcuni spaghetti-western (“Una colt in mano al diavolo” e “E il terzo giorno arrivò il corvo”).

Il debutto musicale è arrivato al Festival di Castrocaro nel 1968 sulle note di “Un bimbo sul leone”. Pur non vincendo, la giovane Fiorella vinse un contratto discografico con la Carisch che le permise di pubblicare i primi 45 giri.

Il primo è stato “Ho saputo che partivi/Le ciliegie” nel 1968.

Negli anni ’70 ha firmato diversi contratti discografici pubblicando altri 45 giri (come “Mi gira la testa/Ore sei”) e il primo album “Mannoia Foresi & Co”.

Gli anni ’80 sono stati molto attivi per la cantante romana:  ha partecipato alla sua prima edizione del Festival di Sanremo, con il brano “Caffè nero bollente”, e al Festivalbar con il brano “E muoviti un po’”.

Nel 1984 è tornata a Sanremo con il celebre brano “Come si cambia” e ha partecipato a “Premiatissima” – gara canora del tv-show – soffiando la vittoria a colleghe molto più popolari (come Orietta Berti, Patty Pravo e Iva Zanicchi).

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Ha partecipato al Festivalbar ’85 e ’86 con i brani “L’aiuola” e “Sorvolando Eilat”, dopodiché nell’87 è tornata a Sanremo con il brano “Quello che le donne non dicono” con il quale ha vinto il Premio della critica. L’anno seguente è salita di nuovo sul palco dell’Ariston per vincere lo stesso premio dell’anno precedente con il brano “Le notti di maggio”.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

In questo decennio, la cantante ha pubblicato gli album “Fiorella Mannoia” (1983), “Premiatissima” e “Momento delicato” (1985), “Fiorella Mannoia” (1986), “Canzoni per parlare” (1988) e “Di terra e di vento” (1989).

Negli anni ’90, Fiorella Mannoia ha pubblicato gli album “I treni a vapore” (1992) – da cui sono stati estratti i brani “I venti del cuore” e “Il cielo d’Irlanda” -, “Gente comune” (1994), “Belle speranze” (1997) e il primo album live “Certe piccole voci” nel 1999.

Il nuovo millennio si è aperto con l’invito di Fiorella Mannoia a Sanremo. La cantante, in qualità di superospite, si è esibita sulle note di “Il pescatore” e “Oh che sarà”.

Nel 2001 è uscito l’album “Fragile” e, dopo una piccola parentesi al cinema nel film “Prima dammi un bacio” nel 2003, ha pubblicato gli album “Onda tropicale” (2006), “Il movimento del dare” (2008) e “Ho imparato a sognare” (2009).

Nel 2012 ha pubblicato l’album “Sud”, nel 2013 l’album tributo a Lucio Dalla intitolato  “A te”. Nel 2014, Fiorella Mannoia è tornata sul palco dell’Ariston duettando con il rapper Frankie hi-ngr cm ed è stata ospite della prima puntata di “Amici 13”. Nello stesso anno, per festeggiare i suoi sessant’anni, la cantante ha pubblicato una raccolta intitolata “Fiorella”.

LEGGI ANCHE: Fiorella Mannoia festeggia i quarant’anni di carriera con un concerto-evento

Nel 2015, la Mannoia è tornata sul grande schermo nel film di Michele Placido “7 minuti” e ha prodotto il nuovo progetto discografico di Loredana Berté intitolato “Amici non ne ho… Ma amiche sì!”.

Nel 2016 ha firmato il testo del brano di “Perfetti Sconosciuti”, il film di Paolo Genovese; inoltre ha pubblicato l’album “Combattente”.

Nel 2017 ha preso parte al Festival di Sanremo come concorrente, presentandosi in gara con il brano “Che sia benedetta” e conquistando il secondo posto in classifica.

Nello stesso anno, ha condotto per la Rai il programma “Un, due, tre… Fiorella!”.

Nel 2019, Fiorella Mannoia è tornata sul palco dell’Ariston come ospite al Festival di Sanremo.

Fiorella Mannoia Carriera | Instagram

Fiorella Mannoia ha un sito che potete consultare qui. Per quanto riguarda il lato social, la cantante ha un account su Facebook (che trovate qui), uno su Twitter (cliccando qui) e uno su Instagram (che trovate qui).