Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

Fabio Rovazzi: “Ho lunghi periodi di vuoto e depressione, ecco il mio modo di uscirne”

Immagine di copertina
Fabio Rovazzi. Instagram/Fabio Rovazzi

Youtuber, videomaker, attore e autore: Rovazzi arriva alla Festa del Cinema di Roma con il suo "Faccio quello che voglio"

Arriva alla Festa del Cinema di Roma e tutti lo trattano per quello che è: un vero e proprio caso. Perché Fabio Rovazzi è nato e cresciuto come un caso. Da quando è saltato in cima alle classifiche con il successone della sua Andiamo a comandare, Fabio Rovazzi non si è mai fermato e ha messo in mostra il suo talento in più occasioni e sotto forme diverse.

Non è solo uno youtuber – così ha cominciato Rovazzi, con la videocamera del papà nella sua cameretta di Lambrate – è anche videomaker, attore e autore. E lo è da quando ha capito che le sue idee, quelle che regalava agli altri, potevano essere vincenti anche per lui.

L’ultimo successo è quello di Faccio quello che voglio. Che non è solo una canzone, ma è anche e soprattutto un corto di dieci minuti, in cui Rovazzi esprime tutto il suo talento. Ed è questo il centro del discorso. Il talento e, ancor di più, da artista, la paura di perderlo.

Una vita fatta di alti e bassi, quella dello youtuber milanese. “È un tempo in cui non è facile trovare idee originali, da effetto ‘wow’, ogni volta quel qualcosa in più. Ho lunghi periodi di vuoto e depressione, in cui mi chiudo in casa e gioco a Call of Duty e non rispondo al telefono, con addosso l’estremo dramma di chi ho intorno, che pensa alla mia carriera breve, ormai finita per sempre”.

Poi, però, qualcosa cambia: “Succede che una notte, dal niente, mi metto a scrivere. Per esempio proprio da questo non avere talento e doverlo rubare è partito l’incipit di quest’ultimo successo, e da quell’incipit tutto il resto: il pezzo, le partecipazioni, il video. Allora, divento velocissimo. Ma ho grossi buchi, estesi periodi senza lampi di luce”.

Quegli estesi periodi senza lampi di luce sono una forma di depressione che l’artista si porta dentro. A un certo punto, Rovazzi ha capito che per cambiare avrebbe dovuto concentrarsi su se stesso: “Prima davo le idee agli altri. Le scrivevano, e funzionavano tantissimo, e ne giovavano solo loro, loro che avevano saputo interpretare quell’idea. A un certo punto, ho provato a mettermi al centro della mie cose”.

“A diventare proprietario effettivo dei miei contenuti, della mia fortuna”, dice ancora Rovazzi. E si riferisce chiaramente alla fine del rapporto professionale (e personale) con J-Ax e Fedez, con i quali aveva avviato il progetto dell’etichetta discrografica Newtopia.

Alza sempre l’asticella e non ha paura del rischio, Rovazzi, e quella di Faccio quel che voglio è una vera e propria sfida per l’artista. “Un’opera scritta e diretta da me. Un po’ 007, un po’ di azione, un po’ thriller, un po’ comico. Vorrei mettermi come al solito al centro della situazione: io che non faccio niente, con tutte le cose che mi succedono intorno. Ci sto già lavorando. Speriamo venga bene”, dice.

Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”
Musica / Riccardo Muti: “Sono stanco della vita. Dal MeToo alla musica, non è più il mio mondo”