Ennio Morricone, le frasi celebri del compositore premio Oscar

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 6 Lug. 2020 alle 19:06
1
Immagine di copertina

Ennio Morricone: le frasi celebri del premio Oscar

È morto oggi – 6 luglio 2020 – all’età di 91 anni Ennio Morricone. Il grande compositore premio Oscar lascia un’eredità culturale senza precedenti. Negli anni il grande artista si è raccontato parlando dei film di Sergio Leone, dei processi creativi, dell’importanza della musica e di molto altro ancora. Di seguito le frasi celebri di Ennio Morricone:

  • “Nell’amore come nell’arte la costanza è tutto. Non so se esistano il colpo di fulmine, o l’intuizione soprannaturale. So che esistono la tenuta, la coerenza, la serietà, la durata”.
  • “Io penso che, quando fra cento, duecento anni, vorranno capire com’eravamo, è proprio grazie alla musica da film, che lo scopriranno”.
  • “A chi mi chiede di parlare di ‘western all’italiana’ rispondo che parleremo un’altra volta. Odio quel termine: lo trovo riduttivo, superficiale, provinciale”.
  • “Quando scrivo nessuno mi può aiutare, perché chi scrive ha qualcosa di personale da dire”
  • “La musica esige che prima si guardi dentro se stessi, poi che si esprima quanto elaborato nella partitura e nell’esecuzione”.
  • “Nei casi di plagio la malafede salta subito agli occhi. Cioè: alle orecchie”.
  • “Posso avere anche centomila persone, alle spalle: non me ne accorgo. Sono troppo concentrato, sono solo. Solo fino agli applausi conclusivi. Allora tutto si scioglie. Il miracolo s’è ripetuto un’altra volta. E posso passare anch’io dalla parte del pubblico”.
  • “Quello siciliano è un popolo eletto nei migliori casi e nei peggiori. E credo che a prevalere sia certamente il suo lato positivo”.
  • “La musica mi ha salvato da fame e guerra. Ma l’arte è puro talento, la sofferenza non c’entra”.
  • “Ho usato suoni realistici in un modo psicologico. Con ‘Il buono, il brutto e il cattivo’ ho usato suoni di animali, come il coyote, così il suono animale è divenuto il tema musicale principale del film”.
  • “Ho sposato una siciliana, il che mi ha permesso di conoscere da vicino la sicilianità. Ma grazie all’arte di Tornatore ho avuto la conferma delle mie sensazioni su questa terra che è bella anche per le sue contraddizioni oltre che per la sua umanità”.
  • “Dagli anni del mio esordio a oggi si è passati attraverso l’alta fedeltà, la riproduzione sempre più perfetta del suono, l’arricchimento tramite messaggi video. Tutto è diventato più accurato. E il mio modo di scrivere testimonia sempre l’esigenza di andare avanti lungo un percorso creativo”.
  • “I film di Sergio Leone sono dei capolavori. E basta”.
  • “La musica poi è intangibile, non ha sembianze, è come un sogno: esiste solo se viene eseguita, prende corpo nella mente di chi ascolta. Non è come la poesia, che non necessita di interpretazione perché le parole hanno un loro significato”.

Frasi di Ennio Morricone tornate alla mente oggi in occasione dei tanti tributi da parte di Rai, Mediaset e altre reti che dal momento della triste notizia hanno iniziato a mandare in onda film con le sue colonne sonore e interviste.

Leggi anche: 1. C’era una volta Ennio Morricone. E ancora c’è (di Flavio Pagano) / 2. Il necrologio che Ennio Morricone si è scritto da solo

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.