Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

È morto Daniel Johnston, il genio che ispirò Kurt Cobain

Immagine di copertina
Daniel Johnston durante una sua esibizione

Il cantautore aveva 58 anni

È morto Daniel Johnston, il genio che ispirò Kurt Cobain

È morto Daniel Johnston, cantautore indie, il più grande outsider dell’ultima scuola di cantautori americani, il genio che ha dato vita al genere Lo-Fi. Se n’è andato martedì 10 settembre a soli 58 anni per un attacco di cuore. Amava i Beatles e ispirò Kurt Cobain.

The true love will find you in the end la sua canzone più famosa.

Era un’icona folk, molto amata dagli “addetti ai lavori”. Il cantautore influenzò i più grandi musicisti di tutti i tempi.

Nato il 22 gennaio 1961 a Sacramento, in California, Johnston era il più giovane di cinque fratelli. Veniva da una famiglia cristiana metodista, che gli aveva trasmesso un forte legame con la Bibbia e con la spiritualità in generale.

Era ancora bambino quando i suoi genitori decisero di trasferirsi a New Cumberland, in West Virginia. Dopo aver cambiato città, la musica iniziò a piacergli.

La sua voce era semplice e commovente. I testi parlavano di amore e vita quotidiana. Molti cantanti e musicisti lo stimavano.

Cominciò da autodidatta, negli anni Ottanta, realizzando dischi autoprodotti. L’esordio ufficiale con Songs of Pain, il primo album. Tre anni dopo uscì Hi, How Are You. Le sue canzoni poetiche e infantili, insieme ai suoi disegni (era anche un pittore), sono poi diventate un caso.

Diversi cantanti famosi realizzarono cover di alcuni dei suoi più grandi successi, come Tom Waits con King Kong e Beck con True love will find you in the end.

Kurt Cobain nel 1992 si presentò sul palco dei MTV Video Music Award indossando una t-shirt con la stampa della copertina di Hi, How Are You, disco di Johnston del 1983.

Gli oggetti personali di Kurt Cobain

Nel 2002 David Bowie (morto nel 2016) lo omaggiava con una canzone scritta ad hoc: Wood Jackson.

Space Ducks, il suo ultimo album, è uscito nel 2010. Nel 2015 Lana Del Rey ha suonato una cover di Some Things Last a Long Time per un cortometraggio sulla storia del cantautore.

Nel 2005 il regista Jeff Feuerzeig gli ha dedicato il documentario The Devil and Daniel Johnston, dove si racconta della battaglia di Johnston contro la schizofrenia e del suo disturbo bipolare che si rifletteva anche in molte sue canzoni.

Negli ultimi mesi le sue condizioni di salute erano peggiorate considerevolmente, a causa di una caduta e dell’aggravarsi della schizofrenia.

Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”
Musica / Riccardo Muti: “Sono stanco della vita. Dal MeToo alla musica, non è più il mio mondo”