Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Le prime foto dallo spazio di Luca Parmitano

A bordo della Stazione Spaziale Internazionale l'astronauta ha tweettato le immagini della sua regione, la Sicilia

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 30 Lug. 2019 alle 20:01 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:08
0
Immagine di copertina
L'immagine della Sicilia dallo spazio Credit: Luca Parmitano (Twitter)

Come zucchero a velo, nuvole di bel tempo spolverano di bianco le terre della mia infanzia“, sono le parole che l’astronauta Luca Parmitano diffonde su Twitter dal suo account Astroluca insieme alla foto della Sicilia vista dallo spazio, a pochi giorni dall’inizio della missione “Beyond”.

Nato nel 1976 a Paternò, in provincia di Catania, Parmitano ha dedicato le prime immagini dallo spazio, dove trascorrerà i prossimi 200 giorni a bordo della stazione spaziale internazionale (Iss), alla sua regione.

“Lo zucchero a velo dei cannoli, Luca”, scrive un utente entusiasta a commento della nuova foto della Sicilia condivisa da Parmitano dallo spazio.

E ancora: “Che bella si vede anche casa mia compare”, scrive un siciliano.

“Grazie, sei un vanto per la nostra martoriata isola”, commenta ancora un altro utente.

L’astronauta ha fatto un bel regalo ai suoi conterranei e a tutti gli amanti della regione insulare.

Ma anche a tutti gli appassionati di astronomia.

Un’altra delle immagini diffuse dall’account Twitter Astroluca è la fotografia di quella che appare come la superficie della Terra.

Ho visto artisti disegnare con la sabbia, ma nessuno può superare la maestria della natura“, aggiunge Parmitano sul social.

Nell’ambito della missione “Beyond”, iniziata il 21 luglio scorso, Parmitano diventerà il comandante della Iss, e sarà il primo italiano a ricoprire questo ruolo.

“Il mio ruolo, da fine settembre, sarà di coordinare e facilitare il più possibile l’intenso lavoro a bordo”, aveva spiegato Parmitano all’inizio della missione.

Uno dei primi fenomeni che ha osservato durante la spedizione è stato il deterioramento delle condizioni della Terra.

Duante una conferenza stampa organizzata lunedi 29 luglio dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa), in collegamento con il Museo della Scienza e della Tecnica “Leonardo da Vinci” di Milano, Luca Parmitano ha denunciato lo stato in cui ha ritrovato il pianeta dopo la sua ultima missione nello spazio.

“Negli ultimi sei anni ho visto deserti avanzare e ghiacci sciogliersi, spero che le nostre parole possano allarmare davvero verso il nemico numero uno di oggi”, ha dichiarato l’astronauta.

“Lo spazio è il luogo ideale per lanciare l’allarme sugli effetti del riscaldamento globale sulla Terra”, fa osservare Parmitano, e attribuisce alla missione che lo terra’ impegnato fino a febbraio 2020 il potenziale di responsabilizzare i decision maker sulle conseguenze delle proprie scelte sul clima.

“I dati dell’Esa ci dicono molto sul riscaldamento globale e da qui l’osservazione umana potrà raccontarlo ulteriormente, per fare sì che chi ha in mano le redini possa fare tutto il possibile, se non per invertire questo trend, per rallentarlo e fermarlo”, ha concluso Parmitano.

L’astronauta italiano Luca Parmitano è arrivato a bordo della Stazione spaziale Internazionale

“Vedo deserti avanzare e ghiacciai sciogliersi”: l’astronauta Luca Parmitano lancia l’allarme dallo spazio

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.