Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Senza categoria

Rinasce la Democrazia Cristiana: sulla scheda delle prossime elezioni ci sarà lo Scudo crociato

Immagine di copertina

Rinasce la Dc. La Democrazia Cristiana “torna” alla Camera. Ad annunciarlo è stato l’ex ministro del governo Berlusconi, Gianfranco Rotondi, che per l’occasione ha rilasciato un’intervista a Repubblica che parla di “primo passo verso la ricostruzione dell’unità della Dc”.

Gli eredi, veri o presunti, hanno deciso di seppellire l’ascia di guerra e rimettere in un cassetto le carte bollate: alla Camera la firma di quello che è un vero e proprio patto federativo: “Base del documento” si legge nella nota che annuncia la riunione “i principi dell’umanesimo cristiano contrapposto alle chiusure sovraniste e nazionaliste”.

Intorno al tavolo i deputati Gianfranco Rotondi, presidente della federazione Dc, Giorgio Merlo di Rete Bianca, Mario Tassone segretario del Cdu e Renato Grassi, segretario della “Dc storica” e che, fin dal post Martinazzoli, si è battuto contro lo scioglimento della Democrazia Cristiana.

Il nome più noto ai lettori è sicuramente quello di Gianfranco Rotondi, già ministro per l’attuazione del programma di governo all’epoca del quarto esecutivo di Silvio Berlusconi e segretario nazionale della Democrazia Cristiana per le Autonomie.

“Non siamo mai spariti” spiega Rotondi, che non ha mai accettato la fine della Balena Bianca. “La Dc è solo rimasta sottotraccia in questi 26 anni”. Ma, giura, stavolta è diverso: “Perché c’è una nostalgia crescente nel Paese per un partito e una storia gloriosa”.

Alla base della sua analisi, “il mio profilo Twitter”, dove “ricevo commenti, soprattutto da sinistra, di gente decisamente interessata”. E il motivo è chiaro: “Questo governo sta facendo rimpiangere il passato”.

La prova finale per la rinascita della Dc saranno le elezioni regionali in Abruzzo: sulla scheda tornerà il simbolo e il nome della Democrazia Cristiana. “Abbiamo fatto un accordo con l’Udc di Lorenzo Cesa, quindi per la prima volta potremo presentare lo Scudo crociato” spiega l’ex ministro, “rappresentante legale del simbolo e del nome”, anche se “l’Udc può usare il simbolo”.

Ma stavolta la “nuova” Dc e l’Udc di Csa si presenteranno insieme: “È un debutto, se avremo successo vedremo di riproporlo anche in altre occasioni”.

“A Montecitorio sono l’unico deputato che si dichiara democristiano”. Ma “il vento sta cambiando e senza megalomanie sono convinto che ci sia spazio per un partito moderato che si ispiri ai valori cristiani. Sono molto ottimista”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI