Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Chili di plastica uccidono i cervi sacri di Nara: è moria in Giappone per colpa dei turisti

Immagine di copertina
cervi nara plastica

Cervi uccisi da plastica – Anche i cervi sacri di Nara sono finiti vittima della plastica. In Giappone, nella cittadina a circa 30 chilometri da Osaka celebre per questi animali che vivono in libertà, sono stati ritrovati senza vita 9 esemplari.

La loro causa di morte è la plastica lasciata dai turisti che fanno visita al parco di 650 ettari dove vivono più di un migliaio di cervi liberi di scorazzare in giro. In realtà, da marzo, le vittime sono state 14 come riportato dalla “Nara Deer Preservation Foundation” e dai media locali come il “Japan Times“.

Nello stomaco di uno dei cervi morti sono stati ritrovati ben 4,3 kg di plastica: una quantità enorme che non gli ha lasciato scampo. Si tratta soprattutto di cartacce e confezioni di snack o cibo di vario genere dati in pasto agli animali dai turisti in visita a Nara per farli avvicinare e scattarsi così una foto.

Per questo, d’ora in poi, le autorità hanno imposto delle precise limitazioni: a questi animali, sacri per la religione shintoista, si potranno solo dare cracker di senbei (alimento tipico giapponese a base di riso glutinoso) e nessun alta cibaria soprattutto se contenuta in bustine di plastica.

I cervi, infatti, vengono attratti dagli odori delle confezioni, anche se vuote, e se ne nutrono non sapendo di andare incontro alla morte. Così come riportato da “La Repubblica“, il paradosso di questi esemplari deceduti è che, oltre ad avere plastica nello stomaco, sono morti in realtà per malnutrizione.

La veterinaria del gruppo per la conservazione degli animali intervistata da “Kyodo News“, Rie Maruko, ha spiegato infatti che la particolare conformazione dello stomaco dei ruminanti non gli consente la digestione di questo materiale.

Dunque nuove regole attenderanno i turisti in visita ad una delle antiche capitali del Giappone, nonché Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, celebre proprio per i suoi cervi in libertà.

In Giappone ripresa la caccia alle balene per fini commerciali dopo più di 30 anni

Masako, la principessa “triste”, diventata la nuova imperatrice del Giappone

I Ferragnez partono per il Giappone: il kimono di Leone fa impazzire il web

Cervi uccisi da plastica
Cervi uccisi da plastica
Cervi uccisi da plastica
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI