Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

“C’è acqua sulla Luna, più di quanto pensassimo”, la straordinaria scoperta della Nasa

Immagine di copertina

“C’è acqua sulla Luna”, la straordinaria scoperta della Nasa

C’è acqua sulla Luna secondo la Nasa ed è anche più abbondante di quanto pensassimo. La straordinaria scoperta è stata resa nota alle ore 17:00 del 26 ottobre ed è stato possibile stabilire ciò grazie a SOFIA (Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy), l’osservatorio aeromobile più grande al mondo la cui peculiarità è quella di sfruttare la potenza di un telescopio a infrarossi del diametro di 2,5 metri. Sofia, con il suo telescopio montato su un aeroplano, ha permesso di individuare la presenza di molecole d’acqua nel cratere Clavius (uno dei più grandi crateri della Luna visibili anche dalla Terra), situato nella parte sud-occidentale della Luna.

A scovare le tracce d’acqua è stato un gruppo di ricercatori americani e tedeschi del progetto Sofia dopo un lungo studio. La scoperta è stata pubblicata in un articolo sulla rivista scientifica Nature.

“Avevamo indicazioni che molecole di H2O – he conosciamo normalmente come acqua – potessero essere presenti”, ha spiegato il direttore della Divisione Astrofisica della Nasa, Paul Hertz. “Ora sappiamo che è lì. Questa scoperta pone nuove sfide circa la nostra comprensione della superficie lunare e pone domande affascinanti riguardo risorse utili all’esplorazione dello spazio profondo”.


“Questa nuova scoperta contribuisce agli sforzi della NASA per conoscere la Luna a sostegno dell’esplorazione dello spazio profondo. Nell’ambito del programma Artemis della NASA, l’agenzia invierà la prima donna e il prossimo uomo sulla superficie lunare nel 2024 per prepararsi al nostro prossimo balzo da gigante: l’esplorazione umana di Marte già nel 2030. Comprendere la scienza della Luna aiuta anche a ricostruire la storia più ampia del sistema solare interno”, si leggeva nella nota ufficiale della Nasa del 21 ottobre, prima di confermare la notizia.

Leggi anche:

1. L’Italia sulla Luna: firmato con la Nasa l’accordo storico sull’esplorazione spaziale. È il primo Paese europeo / 2. Scoperto un nuovo organo nella testa, nello spazio posto tra la cavità nasale e la gola

Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina