Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Trump punta sulla Meloni: Salvini è troppo vicino alla Russia”

Immagine di copertina
Credits: Facebook

Trump punta sulla Meloni: Salvini è troppo vicino alla Russia

Il 12 novembre Giorgia Meloni ha incontrato a Villa Taverna l’ambasciatore statunitense Lewis Eisenberg per un lungo colloquio. Secondo un retroscena di Repubblica, si tratterebbe di un primo tentativo della presidenza Trump di avvicinare Giorgia Meloni, la nuova stella della destra conservatrice su cui puntare in alternativa a Matteo Salvini, considerato dagli States troppo filo-Putin.

Le informazioni emerse dall’inchiesta dell’Espresso sui fondi russi destinati alla Lega e sull’incontro dell’ex portavoce di Matteo Salvini, Gianluca Savoini, all’Hotel Metropol di Mosca con alcuni faccendieri russi, sembra aver destato non pochi malumori all’interno dell’amministrazione Trump.

“L’Amministrazione Usa punta a sollecitare e sostenere in Europa interlocutori certamente di stampo sovranista, preferibilmente antieuropeisti e sicuramente fedeli alla Nato”, scrive il giornalista di Repubblica Claudio Tito.

Per questo motivo la scommessa politica dell’America è sulla leader di fratelli d’Italia Giorgia Meloni, la pupilla di Steve Bannon. La casa Bianca sembra disponibile ad accoglierla all’inizio del 2020, per un incontro con il presidente Donald Trump o con il suo vice Mike Pence.

Per Fratelli d’italia un appoggio esterno di questo tipo potrebbe significare molto, soprattutto in preparazione di una campagna elettorale anticipata, qualora la legislatura non dovesse reggere fino al 2023.

Questa mossa potrebbe però mettere repentaglio l’asse Lega-Fi che darebbe a Salvini la possibilità di ottenere un’ampia maggioranza in parlamento. “Resta il fatto che l’Italia sembra tornare ad essere una delle piattaforme su cui combattere la guerra fredda del XXI secolo. O più semplicemente diventerà una prateria per ingerenze o occulte scorribande straniere”, conclude il giornalista.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Politica / Congedo di paternità, la proposta del Pd: “Portarlo da 10 giorni a 3 mesi”
Politica / Fico risponde al Vaticano sul ddl Zan: “Il Parlamento è sovrano e non accettiamo ingerenze”
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Politica / Draghi in parlamento: "La fiducia sta tornando, ripresa sarà sostenuta"
Politica / Orfini al TPI Fest: “A Tor Bella Monaca Letta ha fatto una passerella”
Opinioni / Anziché intromettersi sul ddl Zan il Vaticano pensi ai reati sessuali dei preti
Politica / L'Ue approva il Recovery dell'Italia, Von der Leyen: "Piano ambizioso". Draghi: "Ora spendere bene e con onestà"